Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline, editato,  redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' "

di Giovanni Orsini

 

Lettera "G"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "G"

Gab-Gar

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

A | B | C | D | E | F | G  

I | J | L | M | N | O | P | Q
R
 | S | T | U | V | Z 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari  

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In ordine alfabetico

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

 

“G

 

 

come Gabbaracci

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gab-Gar

 

 

 

Gat-Giu

 

 

 

Gna-Gov

 

 

 

Gra-Gri

 

 

 

Gro-Guj 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative e note

 

 

 

 

 

 

Gabbaracci

 

 

 

Improvvisi cambiamenti di direzione di cose o persone in movimento, con degli zig-zag improvvisi ed irregolari

 

 

 

Ierassera ’Ntogno era ‘mbriaco fracico: nun se reggeva dritto e pe’ la strada faceva li gabbaracci…”

 

 

 

 

 

 

Gabbarè

 

 

 

Vassoio, in particolare quello usato per paste e dolci

 

 

 

“Domenica c'ha portato 'n gabbarè de paste…”

 

 

 

 

 

 

Gaggìa

 

 

 

Mimosa

 

 

 

“Pe' l'8 marzo c'è da prepara' li mazzetti de gaggìa!…”

 

 

 

 

 

 

Gàggio

 

 

 

Di occhio storto

 

 

 

C’ha 'n’occhio gaggio…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona strabica

 

 

 

Peppe è gaggio…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gàggiola

 

 

 

Gazza

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gajardo

 

 

 

Forte, prestante

 

 

 

“Sei propio gajardo!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Esclamazione di soddisfazione, compiacimento, "che forte!", "oh che bello!"

 

 

 

“Anvedi, gajardo!…”

 

 

 

 

 

 

Galera

 

 

 

Per "Prigione", dall'antico tipo di nave commerciale e da guerra per millenni dominante in tutto il bacino del Mediterraneo, chiamato "Galea" o "Galera", navigato  principalmente a remi e solo di rado con l'ausilio di piccole vele: i suoi rematori venivano detti "Galeotti", suddivisi in tre categorie, di cui la prima e più ampia dei "forzati" o "sforzati", cioè schiavi, rei condannati alla pena del remo e prigionieri di guerra, la seconda degli "zontaroli", normali prigionieri e coscritti pagati a soldo, la terza dei cosiddetti "buonavoglia", volontari imbarcati a stipendio

 

 

 

L’hanno portato ‘n galera…”

 

(Vedi anche Gattabuja)

 

 

 

 

 

 

Galletti

 

 

 

Funghi "Finferli"

 

 

 

“Su la polenta mettece du' galletti 'n ummido ché sso' bboni…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Galletto

 

 

 

Di uomo spavaldo, corteggiatore

 

 

 

“Anvedi come sta a ffa' 'r galletto!…”

 

 

 

 

 

 

Gallinaro

 

 

 

Pollaio, recinto e ricovero per polli

 

 

 

“Me pare 'n gallinaro…”

 

(Vedi anche Gargottara)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di luogo chiassoso

 

 

 

“Aoh, e stateve 'n po' zitti: me pare 'n gallinaro…”

 

 

 

 

 

 

Ganzo

 

 

 

Di persona o cosa che piace

 

 

 

Aoh, se' proprio ganzo…”

 

(Vedi anche Gajardo)

 

 

 

 

 

 

Garganella

 

 

 

Modo tradizionale di bere igienicamente in molti, come su un cantiere, direttamente da un unico contenitore e senza bicchieri: ad esempio versando in bocca il liquido di una bottiglia, ma senza accostarvi le labbra, come quando si beve dallo zampillo di una fontanella pubblica

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bere abbondantemente, tracannare

 

 

 

'Sti cristi 'r vino so lo bevono a garganella…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gargarozzo

 

 

 

Gola, pomo d’Adamo

 

 

 

“… ar gargarozzo, embe',

ce fa n'ficozzo, embe'.

Pe falla corta,

per falla breve,

mio caro oste

portace da beve,

da beve, da beve,

zan zan…”

(Dalla canzone romanesca d'osteria "La società de li magnaccioni")

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Forte desiderio di una pietanza, avere l'acquolina in bocca

 

 

 

Me bolle giù per gargarozzo…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona golosa

 

 

 

C’ha li peli ar gargarozzo…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di uno strozzinaggio o ricatto, "prendere qualcuno alla gola"

 

 

 

Me stà a pija' per gargarozzo…”

 

 

 

 

 

 

Gragarozzone

 

 

 

Di persona golosa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gargottara

 

 

 

Confusione

 

 

 

L’artra sera ‘n trattoria c’era ‘na gargottara che nun se capiva gnente…”

 

(Vedi anche Gallinaro)

 

 

 

 

 

 

Garofolo

 

 

 

Letteralmente il fiore "Garofano"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona vispa, furba

 

 

 

“Stà 'ttente ch'è 'n garofolo…”

 

(Vedi anche Vorpino)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona non ben accetta, inaffidabile, "un bel tipo"

 

 

 

“'N ber garofolo: to lo riccomanno!…”

 

 

 

 

 

 

Garofoletto

 

 

 

Benevolmente di ragazzo vispo, furbo, che sta sempre in mezzo

 

 

 

“Quer munello è 'n garofoletto!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aiutaci ad arricchire questa pagina

 

Chiunque voglia contribuire a questo lavoro,

con parole, modi di dire, detti e proverbi strettamente braccianesi,

è benvenuto inviando una mail

direttamente all’autore giovanni.orsini2007@libero.it

o alla Redazione del portale redazione@tusciaromana.info

 

Grazzie pe' la collabborazzione!