Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline, editato,  redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' "

di Giovanni Orsini

 

Lettera "D"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "D"

Da'-Dev

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

A | B | C | D | E | F | G  

I | J | L | M | N | O | P | Q
R
 | S | T | U | V | Z 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari  

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In ordine alfabetico

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

 

“D

 

 

come Da'

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da'-Dev

 

 

 

Dia-Dur

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative e note

 

 

 

 

 

 

Da'

 

 

 

Dare

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona che non ne fà passare nessuna liscia

 

 

 

A chi le dà e a chi le promette…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Su quale lato affaccia una finestra o porta e con chi o che cosa confina un muro 

 

 

 

'N do' dà 'sta finestra?…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Insistere

 

 

 

To l’ho detto e ridetto, ma tu gnente: daje e daje se roppe!…”

 

 

 

 

 

 

Dacapo
Dacape

 

 

 

In cima, sù

 

 

 

“La casa de Giggetto stava dacapo a le scale …”

 

(Vedi anche Dapiede)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Daje

Daije

 

 

 

 

Espressione esortativa per "dai che ce la fai", "forza!"

 

 

 

Daje, daje, ch'è solo 'n chilometro all'arrivo…”

 

 

 

 

 

 

 

Ovvero consolatoria

 

 

 

Evvabbeh, daje, che ce vo' fà…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Oppure in senso di "smettila", "ora mi sono scocciato"

 

 

 

Aoh, e daje: so' di' ore che sta' a rompe li coijoni

 

E mo basta!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche con il significato di "deciditi una buona volta"

 

 

 

E daje, butta ggiù 'sta carta!…”

 

(Vedi anche Aridaije)

 

 

 

 

 

 

Dapiede

 

 

 

In fondo, giù

 

 

 

“Pe’ dormi' 'n te preoccupa', vor di' che s’arranceremo: se mettemo uno dacape e uno dapiede…”

 

(Vedi anche Dacapo, Dacape)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dazzio

 

 

 

Imposta non più in essere che si pagava sulle merci provenienti da altri Comuni: l’Ufficio del Dazio era situato accanto all'odierna Farmacia Negri, in Via Salvatore Negretti, non lontano dalla strada del Vecchio Ospedale, una volta, prima della creazione della Via Claudia, il principale accesso al Paese provenendo da Roma

 

 

 

Vado a paga' la bolletta der dazzio ch'ho d'anna' a compra' 'r vino a Cervetri…”

 

 

 

 

 

 

Deograzzia

 

 

 

Dal Latino Deo Gratias, nel senso di "finalmente!", "era ora!", "meno male [che è finita]!"

 

 

 

Se' 'rrivato, deograzzia!…”

 

 

 

 

 

 

Deredano

 

 

 

Appellativo anche scherzoso di "sedere"

 

 

 

Si nu' la smetti de sfotte, te fò 'n deredano così!…”

 

(Vedi anche Chiappe, Culo)

 

 

 

 

 

 

Deto

Deta

 

 

 

Dito, dita

 

 

 

Si lo ripij, te monco le deta!…”

 

“A regazzi', statte bbono co' quer martello, che te ce pizzichi le deta…”

 

(Vedi anche Detone, Detone der piede)

 

 

 

 

 

 

Detone

 

 

 

Pollice, alluce

 

 

 

“Pozzino!…

 

E guarda 'ndo' metti li piedi: m'ha' acciacciato er detone!…”

 

(Vedi anche Deto, Deta, Detone der piede)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Detone der piede

 

 

 

Alluce

 

 

 

(Vedi anche Deto, Deta, Detone)

 

 

 

 

 

 

Devozzione

 

 

 

Rispetto, cortesia, "devozione", ma nel senso di benevolo attaccamento

 

 

 

C'era Checco che c'aveva 'na devozzione esaggerata pe' Mastro Peppe!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'accettare qualcosa quasi forzatamente o comunque controvolglia e prenderne di conseguenza poca quantità, ad esempio se di cibo o bevanda appena un assaggio "per cortesia"

 

 

 

Grazzie: ne pijo uno pe’ devozzione…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per giustificare la scarsa quantità di prodotto ottenuta dopo tanto lavoro

 

 

 

La fede è tanta, ma la devozzione è poca…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aiutaci ad arricchire questa pagina

 

Chiunque voglia contribuire a questo lavoro,

con parole, modi di dire, detti e proverbi strettamente braccianesi,

è benvenuto inviando una mail

direttamente all’autore giovanni.orsini2007@libero.it

o alla Redazione del portale redazione@tusciaromana.info

 

Grazzie pe' la collabborazzione!