Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline, editato,  redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' "

di Giovanni Orsini

 

Lettera "C"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "C"

Cac

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

A | B | C | D | E | F | G  

I | J | L | M | N | O | P | Q
R
 | S | T | U | V | Z 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari  

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In ordine alfabetico

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

 

“C

 

 

come Caca'

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cac

 

 

 

Cag-Cal

 

 

 

Cam-Can

 

 

 

Cap

 

 

 

Car

 

 

 

Cas-Cat

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cav-Caz

 

 

 

Cca-Cer

 

 

 

Ces-Chi

 

 

 

Cia-Cib

 

 

 

Cic-Cin

 

 

 

Cio-Ciu

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Coa-Com

 

 

 

Con-Cor

 

 

 

Cos-Cre

 

 

 

Cri-Cro

 

 

 

Cuc-Cur

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative (e note)

 

 

 

 

 

 

Caca'

 

 

 

Andare di corpo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Espressione idiomatica a indicare che fà molto freddo

 

 

 

“Me sto’ a caca' sotto dar freddo…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Espressione idiomatica a sottolineare di non curarsi dell'interlocutore, come se non esistesse

 

 

 

“A brutto stronzo: ha' da sape' che nun me te caco pe' gnente…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona poco prudente, non lungimirante o che cerca di far la furba

 

 

 

“Chi caca sotto la neve presto se’ scopre…”

(Detto popolare)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dell’inutilità dell’intervento della Divina Provvidenza quando ci si trova in talune difficoltà pratiche

 

 

 

“Pe’ piove e pe’ caca', nun bisogna Dio prega'…”

(Detto popolare)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cacaleppa

 

 

 

Diarrea

 

 

 

C’ho avuto 'na paura  che m’è venuta la cacaleppa…”

 

(Vedi anche Cacarella)

 

 

 

 

 

 

Cacarella

 

 

 

Diarrea con evacuazioni continue ed abbastanza fluenti

 

 

 

(Vedi anche Cacaleppa)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sottolineare di aver paura

 

 

 

“C’ho avuto ‘na paura che m’è venuta la cacarella…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A bracaloni

 

 

 

“Porta li carzoni a cacarella…”

 

 

 

 

 

 

Cacarone

 

 

 

Diarrea con evacuazioni continue e molto fluenti

 

 

 

(Vedi anche Cacaleppa, Cacarone)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cacasotto

 

 

 

Di persona paurosa, poco coraggiosa, codarda

 

 

 

“Se' propio 'n cacasotto!…”

 

 

 

 

 

 

Cacata

 

 

 

Atto del defecare

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona alle prese con un grosso problema

 

 

 

“Si esco da ‘sta cacata, nu' magno più sorbe…”

(Detto popolare)

 

 

 

 

 

 

Cacatore

 

 

 

Gabinetto, termine volgare o dispregiativo

 

 

 

“Ammazza, aoh, se' peggio de 'n cacatore!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Caccia'

 

 

 

Tirar fuori

 

 

 

“Cacceme 'm po' 'sto chiodo!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Estrarre qualcosa di tasca

 

 

 

“Mo vedemo che caccia stavorta da le saccocce…”

 

“Aoh, caccia er cortello!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Togliersi il cappello

 

 

 

“Quanno ch'entri ‘n chiesa t'hai da cacciatte  er cappello…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Spillare il vino dalla botte

 

 

 

“Scenno 'n attimo 'n grotte a caccia' 'r vino…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ferirsi ad un occhio

 

 

 

“È cascato co' 'n bastone  ‘n mano e s’è cacciato 'n’occhio…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Scacciare qualcuno

 

 

 

“Te caccio via de casa!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Caccialepre

 

 

 

Erba selvatica che fà parte della "misticanza" di campo

 

 

 

(Vedi anche Misticanza)

 

 

 

 

 

 

Cacciamanetto

 

 

 

Corpetto per neonati da indossare sopra la camicetta

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cacciarella

 

 

 

Caccia al cinghiale

 

I cacciatori si posizionano su altane - chiamate "palchetti" - aspettando che i battitori, con ogni sorta di rumore, spingano i cinghiali a dirigersi verso le zone di appostamento, dove vengono abbattuti

 

 

 

(Vedi anche Battitori)

 

 

 

 

 

 

Caccola

 

 

 

Insieme di muco e polvere che si forma nel naso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Figurativo di persona fastidiosa in senso dispregiativo

 

 

 

“Aoh, se' propio 'na caccola!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona considerata di poco conto

 

 

 

 

“Ma cchi te credi d'esse…

Se' 'na caccola!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Caccoloso

 

 

 

Di persona presuntuosa, altezzosa, boriosa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Caciara

 

 

 

Confusione, frastuono

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Modo di dire di persona che, per evitare un argomento, cambia discorso passando anche repentinamente dal serio al faceto con delle battute

 

 

 

“L’ha buttata ‘n caciara! …” 

 

 

 

 

 

 

Caciaro

 

 

 

Pastore addetto alla preparazione dei formaggi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Caciarone

 

 

 

Di persona che crea confusione, troppo rumorosa, ma anche in senso positivo a proposito della simpatia e vivacità di chi sappia vitalizzare una festa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cacio

 

 

 

Formaggio prevalentemente di pecora o "pecorino"

 

 

 

(Vedi anche Pizza)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Spesso per assonanza sostitutivo di "cazzo" ad evitarne la volgarità

 

 

 

“Co'r cacio che to lo dò!…”

 

(Vedi anche Cazzo)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lamentela per qualcosa che ha preso troppo tempo o comunque più tempo del previsto

 

 

 

“E che c'ha fatto, er cacio?…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un ubriacone di ritorno a casa dall'osteria, parafrasando Dante…

 

 

 

“Ner mezzo de'r cammin de nostra vita,

m'aritrovai pe' 'na strada scura,

che nun sapevo si era scesa

o era salita!…”

(Detto popolare)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di una persona di piccola statura o non di vigore, in senso ironico e dispregiativo, spesso come esplicita ed arrogante provocazione alla lite, un modo di svalutare o schernire pubblicamente l'avversario per fare capire a lui e a tutti gli altri di non temerlo

 

 

 

"Chi mme mena - quello?

Ma si è du' sordi de cacio

Si vvije' qui lo gonfio!…"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aiutaci ad arricchire questa pagina

 

Chiunque voglia contribuire a questo lavoro,

con parole, modi di dire, detti e proverbi strettamente braccianesi,

è benvenuto inviando una mail

direttamente all’autore giovanni.orsini2007@libero.it

o alla Redazione del portale redazione@tusciaromana.info

 

Grazzie pe' la collabborazzione!