Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Da qui gli Etruschi... – Note di approfondimento storico

Capire il passato per vivere meglio il presente pensando al futuro

La Tuscia Romana

Il materiale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da qui le origini dello Stato della Chiesa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Caduta Roma, la penisola italiana si sgretola

 

Caduta Roma, la penisola italiana si sgretola

Il cosiddetto "Patrimonio" o "Beni di San Pietro"

Prove generali di potere, ovvero niente succede per caso a all'improvviso

Le proprietà della Chiesa come "res pauperum Christi"

Rinasce la "respublica"

La Repubblica si consolida

La "Constitutio Romana"

L'inventata "Donazione di Costantino"

Un vero e proprio Stato

E continua...

 

Il territorio

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Caduta Roma, la penisola italiana si sgretola

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dopo i saccheggi di Roma, prima ad opera dei Visigoti di Alarico e poi dei Vandali di Genserico, nel 476 crolla l’Impero Romano d’Occidente, mentre le regioni orientali dell’Impero sopravvivono con Costantinopoli capitale, sorta sulle rovine della vecchia Bisanzio e denominata la "Nuova Roma".

 

Nel 553 l’Imperatore Giustiniano I è appena riuscito a scacciare gli Ostrogoti dall’Italia con una guerra quasi ventennale, quando l’invasione dei Longobardi del 568 spezza definitivamente la penisola italica in un Regno Longobardo ed i Territori Bizantini.

 

 

Ma il Regno Longobardo non rimane unito a lungo,  frazionandosi a sua volta via via in Ducati sempre più autonomi, come pure i Territori Bizantini si frantumano in nuclei sempre più piccoli e sempre più locali.

 

Alcuni di questi nuclei restano sotto il governo dell’Impero Romano d’Oriente, come l’Esarcato di Ravenna ed il Ducato di Calabria, ma i più acquistano totale autonomia, come i Ducati di Venezia, Napoli, Gaeta, Amalfi, Sorrento e Roma.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La croce d'oro e pietre preziose di Agilulfo, Re dei Longobardi e Re d'Italia dal 591 al 616: probabilmente una croce votiva appesa al centro della sua corona.

 

 

 

 

 

 

 

Il Ducato di Roma in particolare ha confini molto incerti, diviso in due dal Tevere, con a Nord la cosiddetta "Tuscia Romana" e la "Campagna" o "Campania Laziale" a Sud.