Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Da qui gli Etruschi... – Note di approfondimento storico

Capire il passato per vivere meglio il presente pensando al futuro

Chi siamo

Il materiale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I Popoli del Mare

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le nostre radici affondano lontano (continua)

L'origine di cosiddetti "Popoli del Mare" (continua)

I documentati tentativi di invasione dell'Egitto 

Il primo tentativo

Il secondo tentativo

 

Le nostre radici affondano lontano

L'origine di cosiddetti "Popoli del Mare"

I grandi flussi e riflussi migratori

I documentati tentativi di invasione dell'Egitto 

Il ruolo storico dei Popoli del Mare

I più antichi documenti

Le lettere di El-Amarna

Le iscrizioni di Medinet Habu

 

I Danuna

Gli Ekwesh

I Lukka

I Peleset

Gli Shardana

Gli Shekelesh

I Teresh

I Tjeker

I Weshesh  

 

Il cammino della cultura

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Le nostre radici affondano molto lontano (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'origine dei cosiddetti "Popoli del Mare" (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I documentati tentativi di invasione dell'Egitto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Popoli del mare" è la nostra denominazione moderna a identificare un largo insieme di popolazioni, negli antichi documenti egizi chiamate collettivamente Haunebu o "Popoli dietro le isole".

 

Sono navigatori e pirati del Mediterraneo orientale, i quali arrivano a tentare, via terra e via mare, una diretta penetrazione nello stesso Egitto già una prima volta alla fine della XIX Dinastia e, più tardi, almeno una seconda volta nell'ottavo anno di Regno del Faraone Ramesse III, della XX Dinastia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il primo tentativo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sappiamo per certo che il Faraone Merenptah ne ferma un primo gruppo intorno al 1225 aC, un'alleanza bellica composta da:

 

- Ekwesh (attraverso i libri di storia a noi meglio conosciuti come "Achei"),

- Teresh (un nome da ricordare!),

- Lukka (Lici),

- Shardana,

- Shekelesh.

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli ultimi spostamenti, propedeutici alle tentate invasioni dell'Egitto, dei cosiddetti "Popoli del Mare" intorno al 1200 aC.

 

Ingenti forze di terra, dall'Anatolia, e altrettanto imponenti forze navali, da Cipro, avanzano simultaneamente per riunirsi a cuneo sul confine Egizio e sferrare un coordinato attacco decisivo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Faraone Merenptah o Merneptah raffigurato mentre tiene per i capelli prigionieri dell'armata dei Popoli del Mare, in procinto di ucciderli o di punirli.

 

Interessante la forma di antica "prospettiva", che conferisce al personaggio chiave nell'immagine, qui il vincitore, una dimensione sproporzionata rispetto agli altri - un'efficace e  manipolativa comunicazione mediatica di oltre 3000 anni fa...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il secondo tentativo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un secondo gruppo semina distruzione in Anatolia, Siria e Cipro prima di essere sconfitto dal Faraone Ramesse III nel 1190 aC.

 

Lo compongono:

 

- Peleset (i biblici "Filistei" di Sansone),

- Tjeker,

- Shekelesh,

- Danuna (i "Danai"),

- Weshesh.

 

 

I Peleset si stanzieranno poi sulle coste della odierna "Palest-ina": è infatti proprio da loro che prende il nome.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La scena sopra con il Faraone Merenptah si ripete, quasi identica nella composizione e nei dettagli.

 

Medesimo linguaggio, medesimo messaggio - solo che qui si tratta del Faraone Ramesse III, qualche decennio più tardi.