Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Da qui gli Etruschi... – Note di approfondimento storico

Capire il passato per vivere meglio il presente pensando al futuro

Chi siamo

Il materiale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I Popoli del Mare

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le nostre radici affondano lontano (continua)

L'origine di cosiddetti "Popoli del Mare" (continua)

I grandi flussi e riflussi migratori

I falliti tentativi di invasione dell'Egitto

 

Le nostre radici affondano lontano

L'origine di cosiddetti "Popoli del Mare"

I grandi flussi e riflussi migratori

I documentati tentativi di invasione dell'Egitto 

Il ruolo storico dei Popoli del Mare

I più antichi documenti

Le lettere di El-Amarna

Le iscrizioni di Medinet Habu

 

I Danuna

Gli Ekwesh

I Lukka

I Peleset

Gli Shardana

Gli Shekelesh

I Teresh

I Tjeker

I Weshesh  

 

Il cammino della cultura

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Le nostre radici affondano molto lontano (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'origine dei cosiddetti "Popoli del Mare" (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I grandi flussi e riflussi migratori

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La storia dell'Europa e dell'intero Mediterraneo inizia con i primi flussi orientali o "asiatici" tra il 3000 e il 2000 aC a seguito di drastici cambiamenti climatici e conseguenti carestie.

 

Poi, dopo gli invasori anatolici del 2000 aC, ancora alcuni secoli e altri invasori caleranno dai Balcani nel Peloponneso, lasciando tracce anche a Lerna.

 

 

Questa volta si tratta di popoli nordici di lingua indoeuropea, una prima forma del futuro "Greco".

 

Si tratta di una parte di quei già intensi flussi migratori che si trasformeranno successivamente in vere e proprie epiche trasmigrazioni umane, verso e da l'Oceano Atlantico, all'epoca capolinea obbligato dei molti spostamenti, quest'ultime a ritroso verso Est cosiddette "atlantiche".

 

 

 

 

 

 

 

 

Ricostruzione dell'epica migrazione delle popolazioni cosiddette "atlantiche", a metà del II millennio aC, attraverso l'intero continente - Europa Occidentale, Centrale ed Orientale - confluendo verso la Cananea e l'Egitto Faraonico.

 

 

 

 

 

 

 

Questi flussi migratori di popoli e le conseguenti fasi evolutive nell'area egea proseguono fino alla fine dell'Età del Bronzo, vale a dire verso il 1000 aC, e corrispondono quasi esattamente all'Antico, Medio e Nuovo Regno Egizi:

 

- l'Antico Regno, III - VI dinastia, va infatti dal 2700 al 2200 aC,

- il Medio Regno, XI - XII dinastia, dal 2040 al 1790 aC,

- il Nuovo Regno infine, XVIII - XX dinastia, dal 1530 al 1080 aC.

 

 

 

 

 

 

 

 

L'invasione massiccia dell'Anatolia Ittita, via terra, e la messa a ferro e fuoco, soprattutto via mare, dei maggiori centri sulla costa Cananea, tutti compresi nella sfera di interessi Egizia, intorno al 1300-1200 aC.

 

La pressione politica, economica e militare sale sul confine del Grande Regno e sfocerà inevitabilmente in una serie di almeno tre grandi guerre combattute per quasi 50 anni da due Dinastie Faraoniche - la XIX e la XX - contro le diverse e dinamiche coalizioni delle popolazioni locali con i cosiddetti "Popoli del Mare" (dal punto di vista Egizio).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I falliti tentativi di invasione dell'Egitto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alla fine dell'Età del Bronzo, dall'area egeo-balcanica, non una ma una serie di intere popolazioni si riversano a ondate su Medio Oriente ed Egitto.

 

Molto verosimilmente questo avviene, come per le prime migrazioni asiatiche secondo un effetto domino, dapprima sotto la diretta pressione dell'invasione "dorica", in un secondo tempo a causa del suo perdurare ed infine del conseguente crollo dei Regni Micenei.

 

 

Il tempismo degli spostamenti ed i loro itinerari dimostrano, al di fuori di ogni possibile dubbio, come non siano "casuali" ma strategicamente pianificati, prendendo forma di ben coordinati attacchi contro il Regno Faraonico.

 

Tutti questi tentativi di invasione della ricca e produttiva regione nord-africana da parte di più popolazioni, unite in diverse alleanze, saranno però destinate ad infrangersi contro la superiorità militare, se non numerica, dell'esercito e della flotta egizi.