Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Da qui gli Etruschi... – Note di approfondimento storico

Capire il passato per vivere meglio il presente pensando al futuro

Il materiale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Noi, uomini "liberi" – dal comunismo primitivo allo schiavismo, dal Cristianesimo

primitivo alla "schiavitù di fatto" dei nostri giorni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'evoluzione del Pianeta Terra e la cruciale importanza delle variazioni climatiche

Le Ere Geologiche

La scala dei tempi evolutivi

Le Ere 

L’Era Arcaica o Originaria

L’Era Primaria o Antica

L’Era Secondaria o Di Mezzo

L’Era Terziaria o Recente

L’Era Quaternaria o Nuova

 

Una introduzione

La nostra evoluzione fisica e sociale

L'evoluzione del Pianeta Terra e la cruciale importanza delle variazioni climatiche

Le transizioni della storia umana attraverso le grandi rivoluzioni

La rivoluzione agricola del Neolitico

La rivoluzione urbana

Oppressori, riluttanti oppressi e "salvatori"

L'evoluzione storica della visione messianica: la "speranza" da dinamicizzante a paralizzante

La totale corruzione del messaggio originale del Cristianesimo

Il futuro dell'umanità

 

άν-άρχή ‒ Il pensiero anarchico: "La libertà degli altri espande la mia all'infinito!" Michail Bakunin

Fabrizio Cristiano De André – Uomo, poeta, anarchico

"Podrán morir las personas, pero jamás sus ideas!" - Che Guevara

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

 

L'evoluzione del Pianeta Terra e la cruciale importanza delle variazioni climatiche

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le Ere Geologiche

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La scala dei tempi evolutivi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La "geocronologia" avviene su una scala di tempi di evoluzione del Pianeta, suddivisa più propriamente in:

 

- "eoni" di miliardi di anni,

- questi in "ere" di centinaia di milioni di anni,

- le ere in "periodi" di decine di milioni di anni,

- a loro volta suddivise in "epoche" di milioni di anni,

- le epoche in "età" di migliaia di anni,

- le età in "crono".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le Ere 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le Ere Geologiche sono convenzionalmente fissate a cinque, tutte con denominazioni dal suffisso “-zoico”, dal Greco ζοον, zōon, o “animale”, “essere vivente” o ζωή, zoe, o "vita".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’Era Arcaica o Originaria

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LArcheozoico o cosiddetto "Precambriano", si estende da 4,6-4,5 miliardi a 570 milioni di anni fa.

 

Riferisce alla Terra che si va aggregando lungo la sua orbita intorno al Sole.

 

 

La superficie del Pianeta viene colpita all'inizio da un gigantesco planetoide, paragonabile per massa a Marte, che nell'urto ne distacca una massa sufficiente a formare il satellite Luna.

 

Il Pianeta passa poi ad una progressiva formazione, raffreddamento e stabilizzazione della cosiddetta "crosta terrestre" in, ad esempio, cristalli di zircone.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’Era Primaria o Antica

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Paleozoico va da 570 milioni a 230-220 milioni di anni fa.

 

È una delle più importanti ere geologiche, perché vi appaiono le prime forme di "vita" - dal Greco antico παλαιός, palaios, "antico", cioè della "vita antica".

 

 

Inizia all'avvenuta disgregazione del primo "supercontinente" alla fine di una glaciazione globale, con dapprima la totale frammentazione e dispersione delle terre emerse in numerosissimi piccoli continenti, salvo poi ricompattarsi in un nuovo, unico supercontinente, la cosidetta "Pangea".

 

Inizia la vita, limitata a primitivi batteri, alghe, spugne ed altre ancora oggi per noi enigmatiche forme.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’Era Secondaria o Di Mezzo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Segue il Mesozoico da 230-220 milioni a 70-65 milioni di anni fa.

 

Il suo nome riporta dal Greco antico a μέσος, mesos, "intermedio", "di transizione", "di assestamento", perché periodo di fauna intermedia tra le forme di vita antiche del "Paleo-zoico" e quelle nuove e recenti del "Ceno-zoico".

 

 

Con un clima anche molto più caldo dell'attuale, vi si scatenano violenti mega-monsoni, a causare la scomparsa di alcune forme di vita animale, ma anche favorirne di nuove ed inedite.

 

Tra l'altro, nell'ambito della fauna, vi ha luogo lo sviluppo dei rettili di grandi dimensioni o cosiddetti "dinosauri" e, come si vedrà, per la sopravvivenza della vita stessa, la cruciale parallela comparsa di primi piccoli mammiferi e degli uccelli.

 

Nell'ambito della flora invece, ecco, le piante si evolvono a generare i primi fiori!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’Era Terziaria o Recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Cenozoico va da 70-65 milioni a 2 milioni di anni fa.

 

La sua denominazione dal Greco καινός, kainòs, "recente".

 

 

Le masse continentali in nuova frammentazione nei vari continenti fino alla loro approssimativa posizione attuale.

 

Gli spostamenti e le conseguenti collisioni ovvero dilatazioni tra i continenti formatisi provocano il sollevamento di importanti catene montuose, la formazione ed allargamento dell'Oceano Atlantico.

 

Risale a questo periodo la chiusura del nostro Mar Mediterraneo circa 35 milioni di anni fa, poi il suo totale prosciugamento e ancora il nuovo, violento travaso delle acque atlantiche nel suo bacino via il drammatico sfondamento dell'attuale Stretto di Gibilterra.

 

 

a creazione di nuovi ambienti naturali attraverso un clima che raggiunge notevoli oscillazioni di temperatura e umidità, sopravvenuta aridità a sviluppare e diffondere di "erbe" più che alberi a formare quelle vaste steppe necessarie all'evoluzione di grandi e veloci mammiferi e uccelli come li conosciamo oggi, poi dapprima il drammatico distacco dell'America Meridionale dall'Antartico e l'instaurarsi della Corrente Circumpolare Antartica con gelida acqua polare in superficie e sensibile raffreddamento climatico fino al successivo unirsi della nuova America Meridionale alla Settentrionale e l'instaurasi della nuova Corrente del Golfo, le quali contribuiscono al congelamento del Continente Antartico e più in generale alle conseguenti glaciazioni anche in Europa;

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’Era Quaternaria o Nuova

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I cosiddettol Neozoico inizia 2 milioni di anni fa e continua ad oggi.

 

Ultimo e attuale periodo - dal Greco antico νέος, néos, "nuovo" - caratterizzato da estrema variabilità climatica nella storia della Pianeta.

 

 

Con numerose glaciazioni, si suddivide nelle epoche geologiche de:

 

- il Pleistocene - Inferiore, Medio e Superiore

- e l’Olocene, epoca anche denominata Era “Antropo-zoica”, o “Età dell’Uomo”.

 

Soltanto in questo "brevissimo" intervallo avviene il definitivo sviluppo dell'Homo Sapiens, l'unico sopravvissuto del genere Homo.

 

La sottospecie Sapiens Sapiens diverrà in poco tempo dominante sul Pianeta.