Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da qui gli Etruschi... – Note di approfondimento storico

Capire il passato per vivere meglio il presente pensando al futuro

Il materiale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Noi, uomini "liberi" – dal comunismo primitivo allo schiavismo,

dal Cristianesimo primitivo alla "schiavitù di fatto" dei nostri giorni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una introduzione (continua)

Il Cristianesimo come lo subiamo ancora oggi

Quel che resta dell'utopia comunista cristiana  

 

Una introduzione

Il Comunismo come lo conosciamo oggi

Il Cristianesimo come lo subiamo ancora oggi
Quel che resta dell'utopia comunista cristiana

Il Cristianesimo primitivo e quello odierno, se mai lo si possa ancora chiamare così
La ruffiana, falsificata e falsificante dottrina cosiddetta "paolina"
La Chiesa prostituita

La nostra evoluzione fisica e sociale

L'evoluzione del Pianeta Terra e la cruciale importanza delle variazioni climatiche

Le transizioni della storia umana attraverso le grandi rivoluzioni

Oppressori, riluttanti oppressi e "salvatori"

Il futuro dell'umanità

 

άν-άρχή ‒ Il pensiero anarchico: "La libertà degli altri espande la mia all'infinito!" Michail Bakunin

Fabrizio Cristiano De André – Uomo, poeta, anarchico

"Podrán morir las personas, pero jamás sus ideas!" - Che Guevara

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Una introduzione (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Cristianesimo come lo subiamo ancora oggi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Quel che resta dell'utopia comunista cristiana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Che la "religiosità" o "senso del sacro" nasca dalla timorosa curiosità dell'uomo di fronte all'incognito non dovrebbe oggi sollevare troppe critiche, come più che ovvia appare attraverso i secoli la voluta confusione, sistematicamente alimentata dai diretti interessati, tra i concetti di "credo", "religione" e "chiesa"...

 

 

"Religione" e "Chiesa", "Testi Sacri" e "storia" restano ancora oggi - e forse più che mai - purtroppo sinonimi nella brodaglia di voluta ignoranza di massa ad opera di una Chiesa Cattolica, palesemente non più "dei poveri e degli oppressi", senza potere e ricchezza, come anche riscoperta e ribadita dal Concilio Vaticano II, quanto piuttosto e sempre più "dei ricchi e dei potenti".

 

Molti anche al suo interno non esitano ad accusarla apertamente di aver rinnegato se stessa ed aver tradito i propri Vangeli, diventando così una Chiesa "dei privilegi", vergognosamente ricca, salvo rare eccezioni di singoli o di piccoli gruppi, pronta a parteggiare per il potere, qualunque putridume rappresenti ovvero a non criticarlo, vigliaccamente e opportunisticamente tacendo - recentissimi ed eclatanti esempi anche nel nostro Paese lo confermano.
 

 

 

 

 

 

La protesta è tanto forte quanto con veemenza negata e spesso con violenza repressa:

 

- contro la prostituzione di una “religione capitalista e di mercato”,

- contro la progressiva corrosione della legalità,

- contro la crescente concentrazione del potere sui media,

- contro l’omertà della Gerarchia Ecclesiastica su oppressioni e soprusi propri e altrui,

- contro, al di là della retorica dei discorsi ufficiali, l’indifferenza  di fronte alle ingiustizie,

- contro l’appiattimento ad una politica demagogica.