Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da qui gli Etruschi... – Note di approfondimento storico

Capire il passato per vivere meglio il presente pensando al futuro

Il materiale in questa pagina č redatto da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Podrán morir las personas, pero jamás sus ideas!"

Che Guevara

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rivivendo la storia del nostro futuro

 

Rivivendo la storia del nostro futuro
Quel che resta č ben altro

Le testimonianze dirette

"ˇHasta Siempre, Comandante!"

Per approfondire ulteriormente

 

Noi, uomini "liberi" – dal comunismo primitivo allo schiavismo, dal Cristianesimo
primitivo alla "schiavitů di fatto" dei nostri giorni

άν-άρχή ‒ Il pensiero anarchico: "La libertŕ degli altri espande la mia all'infinito!" Michail Bakunin

Fabrizio Cristiano De André – Uomo, poeta, anarchico

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

Andrea Mantegna, "Il Cristo morto" o anche "Lamento su Cristo morto" ovvero "Cristo morto e tre dolenti", tempera su tela, 68 x 81 cm, databile tra il 1475-1478 circa, Pinacoteca di Brera, Milano, uno dei simboli del Rinascimento italiano - Il Cristo deposto, amorosamente lavato, unto e pianto.

 

 

"C'erano anche lŕ molte donne che stavano a osservare da lontano; esse avevano seguito Gesů dalla Galilea per servirlo.

Tra costoro Maria di Mŕgdala, Maria madre di Giacomo e di Giuseppe, e la madre dei figli di Zebedčo.

Venuta la sera giunse un uomo ricco di Arimatča, chiamato Giuseppe, il quale era diventato anche lui discepolo di Gesů.

Egli andň da Pilato e gli chiese il corpo di Gesů.

 

Allora Pilato ordinň che gli fosse consegnato.

Giuseppe, preso il corpo di Gesů, lo avvolse in un candido lenzuolo e lo depose nella sua tomba nuova, che si era fatta scavare nella roccia; rotolata poi una gran pietra sulla porta del sepolcro, se ne andň.

 

Erano lě, davanti al sepolcro, Maria di Mŕgdala e l'altra Maria."

 

Matteo 27, 55-61

 

 

Rivivendo la storia del nostro futuro