Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Da qui gli Etruschi... – Note di approfondimento storico

Capire il passato per vivere meglio il presente pensando al futuro

Il materiale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

άν-άρχή ‒ Il pensiero anarchico

"La libertà degli altri espande la mia all'infinito!" Michail Bakunin

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lo Stato non è "noi" (continua)

Autogoverno non è sinonimo di disorganizzazione né di sregolatezza

L'autogoverno del popolo un utopia?

 

Lo Stato non è "noi"

Kaos e Kosmos

La matematica del caos

Autogoverno non è sinonimo di disorganizzazione né di sregolatezza

L'Istituzione del Comune medievale

La Comune di Parigi del 1871

La Machnovščina Ucraina - l'Armata Nera Anarchica

La Rivolta Libertaria della Città di Kronštadt

Le enclavi libertarie durante la Guerra Civile in Spagna

 

L'ABC dell'Anarchia

Le tematiche dell'Anarchismo

Anarchia e terrorismo

La teoria anarchica

Utopia? ‒ Perché no!

 

Fabrizio Cristiano De André – Uomo, anarca, poeta

Noi, uomini "liberi" – dal comunismo primitivo allo schiavismo, dal Cristianesimo
primitivo alla "schiavitù di fatto" dei nostri giorni

"Podrán morir las personas, pero jamás sus ideas!" - Che Guevara

"La Società Operaia di Mutuo Soccorso di Bracciano" di Massimo Perugini

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Lo Stato non è "noi" (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Autogoverno non è sinonimo di disorganizzazione né di sregolatezza

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come già visto, a parte ogni interpretazione del pensiero o dei pensieri anarchici, vi rimane quindi di essenziale ed irrinunciabile l'assenza dello Stato come apparto centralizzato, questo definito come vero e proprio "monopolio legalizzato della forza" in un territorio a discapito di chi ci vive.

 

 

Nell'Antichità il concetto di "anarchia", in Greco ανά αρχή, significa letteralmente "senza governo", ma viene poi  man mano profondamente negativizzato per finire ad indicare la totale degenerazione dello Stato con una conseguente "mancanza di ordine".

 

Quindi "anarchia" dall'originario significato di "senza governo" passa arbitrariamente a quello tutt'altro di "senza ordine" - un bel salto pindarico!

 

 

Polibio - storico greco  vissuto nel II secolo aC nell'antica città di Megalopoli, nell'Arcadia - studia il mondo politico del Mediterraneo dell'epoca con particolare attenzione quindi alla nascente superpotenza di Roma della Seconda e Terza Guerra Punica, nelle cui Istituzioni civili e militari repubblicane, oltre che nella virtuosa onestà dei suoi Cittadini, vede le ragioni della sua fortuna politica nell'area.

 

Non c'è dunque da meravigliarsi se questo storico arrivi a classificare l'anarchia come "lo stadio peggiore dell'evoluzione sociale", la fase cioè di un "ricorso" storico o "ana-ciclosi" in cui la "democrazia" (che in Greco significa appunto "governo del popolo"!) degenera fino alla "oclo-crazia" o "governo della massa"...: sarebbe proprio lo stato di anarchia, definita come "disordine e trionfo di istinti brutali", a creare i presupposti per la successiva fase di "monarchia" ovvero mono-archia o "governo di uno solo".

 

 

Questo pensiero dello storico greco dominerà per quasi due millenni, o diciamo che farà comodo ai vari poteri, più o meno "costituiti", veder la cosa così, finché in tempi a noi più recenti, soprattutto nei due ultimi secoli XIX e XX, il concetto di anarchia torna alla sua più corretta definizione di "autogoverno".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'autogoverno del popolo un utopia?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ma può veramente esistere una società "anarchica" o "autogestita dal popolo" e in tal caso ne esistono esempi storici?

 

A dire il vero i tentativi storici di realizzare società più giuste, basate su principi di autogoverno, sono numerosi, ma tutti ostacolati o soffocati dal "potere", dalla reazione di chi cioè, facendo parte del per l'occasione vigente sistema di assoggettazione degli altri veda i propri privilegi ed interessi minacciati o minati.