Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

La cultura siamo noi Noi i ragazzi

La società siamo noi, noi la cultura e la nostra storia:  la cultura non ha comparti né livelli - o c'è o non c'è.

Proteggiamo la cultura popolare, madre di tutte le culture!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una diversa lezione di storia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In visita alla Cantina Perugini, Bracciano, Roma

La visita

La cantina

L'atmosfera

 

In visita alla Cantina Perugini, Bracciano, Roma

La visita

La cantina

L'atmosfera

Bracciano com'era

L'acquedotto industriale e la cartiera

Le ferriere

Gli artigiani, gli arnesi, i mestieri e l'apprendistato

L'agricoltura, la pastorizia ed il fenomeno della "transumanza"

Essere bambini a quel tempo

Come ci si vestiva

La condizione delle donne

I trasporti

La solidarietà fra i lavoratori

Le impressioni della visita e le riflessioni dei ragazzi

Invito

Commenti

 

"Massimo Perugini custode di una Bracciano d'altri tempi"

La cantina degli arnesi

 

Massimo Perugini - Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

 

In visita alla Cantina Perugini, Bracciano, Roma

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Scuola Media Statale “San Giovanni Bosco”, Bracciano, Roma

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Classe 2ª Sezione C – Anno Scolastico 2005-2006

 

Progetto di studi interdisciplinari "Conoscere il proprio ambiente" nelle materie Lettere ed Educazione Tecnica, proposto e coordinato dalle docenti Prof.ssa Anna Tamanti, Prof.ssa Graziella Mari e Prof.ssa Rosanna Vettori

 

 

Quello che segue è il fedele racconto collettivo della classe sulla loro visita, parte integrante del progetto, “cucito” insieme dalle insegnanti utilizzando esclusivamente gli appunti originali degli alunni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La visita

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mercoledì, 15 febbraio 2006.

 

 

… Siamo andati a visitare la “Cantina Perugini”, situata in Via dell’Arazzeria, una via della vecchia Bracciano...

 

(Lorenzo P.)

 

 

Il tempo non era dei migliori: la notte aveva piovuto, per terra era pieno di pozzanghere e faceva freddo, ma era piacevole pensare che avremmo passato una mattinata diversa.

 

Arrivati a destinazione, abbiamo trovato ad aspettarci il signor Massimo… 

 

(Simone P.)

 

 

Il signor Massimo, nel corso degli anni, ha raccolto pezzi storici che ci hanno permesso di ricostruire la vita di un tempo…

 

(Charlotte S.)

 

 

… Ha detto che sono ben trent’anni che cerca e colleziona questi oggetti: sono oggetti che non ci sono più, sono ormai introvabili e perciò hanno valore…

 

(Sabrina M.)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La cantina

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

… Appena siamo entrati, ho sentito un “odore di vecchio”: come quello che si sente nelle soffitte piene di “ricordi impolverati”, che si prova dispiacere a buttar via, perché fa sempre piacere “rivederli”…

 

(Sabrina M.)

 

 

Appena entrati, ci ha fatto sedere davanti ad un camino dove era acceso un bel fuoco e, intorno a noi, appesi ai muri e ovunque, cerano tanti strumenti, pensili, oggetti… che rappresentavano Bracciano di qualche tempo fa, cioè la vita dei nostri nonni e bisnonni, la “nostra storia”…

 

(Giada M.)

 

 

… Più precisamente, le pareti della cantina erano “tappezzate” con questi oggetti antichi, divisi in categorie lavorative, ad esempio vi erano degli zoccoli di legno, “scolpiti” a mano da un calzolaio e gli attrezzi che usava, oppure l’aratro e i gioghi utilizzati dal contadino e così via…

 

(Simone P.)

 

 

… A proposito di zoccoli, ci ha parlato dello zoccolaio che faceva gli zoccoli per gli stallieri: ci ha poi mostrato uno zoccolo a forma di cigno davvero particolare - l’originale sembra trovarsi in un museo francese…

 

(Andrea R.)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'atmosfera

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

… A dire la verità, guardandomi intorno, ho provato una strana sensazione…

 

Sembrava che ci stavamo nascondendo da qualche persona che cercava di inseguirci e che noi non volevamo essere trovati…

 

E poi quella grotta che si intravedeva, mi metteva paura…

 

(Giada M.)

 

 

… Entrando nella cantina, la prima sensazione che ho avuto è stata quella di essere rispedito indietro nel tempo, a qualche centinaio di anni fa…

 

La seconda, a differenza della mia compagna, è stata di respirare un’atmosfera calda e rassicurante data dallo scoppiettio allegro del focolare.

 

Questo mi faceva sentire proprio bene.

 

 

Una volta seduti, il signor Perugini ha cominciato a raccontare…

 

(Lorenzo P.)

 

(Continua)