Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

La cultura siamo noi Noi la parola

La società siamo noi, noi la cultura e la nostra storia:  la cultura non ha comparti né livelli - o c'è o non c'è.

Proteggiamo la cultura popolare, madre di tutte le culture!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da leggere – Pubblicazioni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Tuscia Romana Tutto un altro mondo! (continua)

Per conoscere meglio Bracciano e non solo

Un paese chiamato Bracciano

Historia Brachiani

Parlando di Bracciano...

Anno Domini 1786

Santa Severa, mosaico storico

Vigna di Valle, "nel risveglio di sopite memorie"

Santa Marinella nel caleidoscopio del tempo

Bracciano negli occhi della memoria

Bracciano – Sguardo al passato

Pisciarelli nel tempo conosciuto

Le Terme di Stigliano

Lungimiranza popolare e amministrativa per una realtà militare a Bracciano

Manoscritti catastali riguardanti il territorio di Manziana

 

La Tuscia Romana Tutto un altro mondo!

Per conoscere meglio la Tuscia Romana

Per conoscere meglio Bracciano e non solo

Per approfondire Pianeta Tuscia™

Per capire meglio Opifex Tusciae™

Per capire meglio EcoTuscia™

Per conoscere meglio le ricchezze naturalistiche del territorio

 

Chi siamo – Una presentazione

Dicono di noi – Rassegna stampa

Amici del portale – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

La Tuscia Romana Tutto un altro mondo! (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per conoscere meglio Bracciano e non solo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un paese chiamato Bracciano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Titolo

Autore

Editore

Prezzo

 

Un paese chiamato Bracciano

Angela Carlino Bandinelli

Centro Sviluppo Lazio

Fuori commercio

(in dotazione presso le Biblioteche scolastiche della Provincia di Roma)

 

 

 

 

 

...cerchiamo le nostre radici.

 

 

Un lavoro di ricerca durato tre anni condotto con e da alunni delle elementari, terza - quarta - quinta classe e tutti quindi tra i nove e i dieci anni, guidati dalla loro insegnante e seguendo comunque un metodo di analisi storica rigoroso ed attendibile.

 

Testi ed illustrazioni pieni di spontaneità ne rendono la lettura particolarmente piacevole, come pure i numerosi aneddoti e curiosità attraverso i racconti dei nonni e degli anziani intervistati, intercalati a fatti e notizie presi direttamente dalle fonti scritte degli archivi e delle biblioteche locali.

 

 

Giulio Pietrosanti, Presidente del Centro Sviluppo Lazio che ne ha sponsorizzato la pubblicazione, scrive nella sua prefazione:

 

 

"Questo scavare nelle proprie radici storiche, alla ricerca di quelle tradizioni che rappresentano dei sicuri punti di riferimento per noi tutti e che ci legano quasi visceralmente alla nostra terra di origine, appare tanto più importante ai giorni d'oggi, giorni nei quali ogni cosa viene messa in discussione".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Historia Brachiani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Titolo

Autore

Prezzo

 

Historia Brachiani

Angela Carlino Bandinelli

Fuori commercio

 

 

 

 

 

 

 

 

Cenni storici sul territorio, a cura del Comitato Organizzatore dei  Campionati Mondiali di Atletica Leggera Roma 1987 -  tradotti in lingua inglese e francese.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Parlando di Bracciano...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Titolo

Autore

Editore

Prezzo

 

Parlando di Bracciano...

Angela Carlino Bandinelli

Edizioni Mediterranee, 1989

12,91 euro

 

 

 

 

 

 

 

 

Il momento permeante in questa storia sociale è l’anno millenovecento, con puntate a ritroso che ne delineano la fisionomia del passato più remoto. 

 

 

I Monti, il Borgo, le Cartiere restano ancorate all’antico feudo e non sembrano accorgersi dei segni di progresso.

 

La vita ha il rumore delle botteghe artigiane, il rotolio dei carri sul selciato,  il trotterellare del piccolo asino del frate cercatore.

 

Le ore rotolano lente e piene, scandite dalla campana di Santa Maria Novella.

 

 

Fuori del Paese la vita dei campi segue il ritmo dei secoli passati, le mandrie ruminano al sole, i carbonai elevano piramidi di legna nelle selve.

 

Se cammini per le strade acciottolate, visi sorridenti salutano il tuo passaggio.

 

Le porte non sono chiuse e la chiave infilata nella toppa è un invito ad entrare. Tutti si conoscono per nome, anzi per soprannome.

 

Ed ogni soprannome ha la sua storia.

 

Una povertà decorosa si intreccia ad un gran gusto della vita.

 

I ragazzi giocano a piastrelle e a battimuro nelle piazzette in salita.

 

Le fraschette sembrano ammiccare ai passanti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anno Domini 1786

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Titolo

Autore

Editore

Prezzo

 

Historia Brachiani

Angela Carlino Bandinelli

Edizioni ACUME, 1990

Fuori commercio

 

 

 

 

 

 

 

 

Un documento sull’area della Manziana.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Santa Severa, mosaico storico

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Titolo

Autore

Editore

Prezzo

 

Santa Severa, mosaico storico

Angela Carlino Bandinelli

Edizioni Mediterranee, 1992

14.49 euro

 

 

 

 

 

 

 

 

Una ricostruzione appassionata che poggia su di una solida base documentaristica che poco indugia nella fantasia narrativa.

 

Una ricostruzione paziente, tessera dopo tessera, del mosaico di Santa Severa.

 

 

Una ricerca che risale alle radici del remoto, paradossalmente più noto del passato prossimo.

 

In un lavoro d’incastro che riscopre il volto di Santa Severa celato dai veli brumosi del tempo.

 

 

Dalla preistoria all’antica Etruria, qundo Pyrgi è famoso porto dell’etrusca Agira ed ospita navi provenienti da terre lontane.

 

E poi, nel rotolar dei secoli, si realizza come mondo contadino, innestato nella realtà dell’Agro Romano, con le sue tradizioni, verità e problemi sociali.

 

 

Una Santa Severa bellissima e canora nelle primavere fiorite, d’estate opulenta di messi ma sofferente per la “mala aria”, nuovamente splendida negli autunni color rosso ed oro, paludosa e pressoché deserta durante i lunghi inverni, l’occhio preoccupato sempre rivolto al mare nel timore atavico delle vele saracene.

 

Un mosaico che ricompone lo scorrere degli anni fino alle origini del nuovo abitato, di questa verità attuale, così diversa, piena di vita e di bellezza: una gemma di elegante distacco dalla pur vicina città, affaticata ed asfittica.

 

 

Santa Severa oggi: un luogo per riconoscersi uomini, dove respirando l’aria balsamica del mare, nella quiete delle vie che hanno il colore dei fiori, si riassapora il piacere della vita.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vigna di Valle, "nel risveglio di sopite memorie"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Titolo

Autore

Editore

Prezzo

 

Vigna di Valle, "nel risveglio di sopite memorie"

Angela Carlino Bandinelli

Edizioni Rione, 1995

Fuori commercio

 

 

 

 

 

 

 

 

Vigna di Valle è l’estrema propaggine del Comune di Bracciano in direzione della capitale, passaggio obbligato per chi voleva raggiungere il feudo orsiniano.

 

 

Il territorio che si spinge più sulla riva del lago racconta la sua storia che vede gli uomini preistorici trarre acqua dalle limpide acque lacustri.

 

Accoglie la gente etrusca e vede l’arrivo della nuova potenza romana.

 

Qui l’imperatore Antonino Pio si era fatta una sontuosa villa (più gaia e più ricca di quella fattasi dall’Imperatore Adriano nei monti Sabatini).

 

 

I secoli scorrono come sabbia nella clessidra e il testo ne raccoglie i granelli più lucenti.

 

 

Ma è nei primi anni del 1900 che Vigna di Valle splende.

 

Nel 1908 il primo dirigibile italiano esce dall’hangar sulla riva del lago.

 

Per una prova.

 

E il 3 ottobre si solleva nell’aria.

 

Tutta l’Italia volge qui i suoi occhi.

 

 

Oggi raccoglie i suoi ricordi nell’esaustivo Museo dell’Aereonautica Militare.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Santa Marinella nel caleidoscopio del tempo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Titolo

Autore

Editore

Prezzo

 

Santa Marinella nel caleidoscopio del tempo

Angela Carlino Bandinelli

Edizioni Mediterranee, 2002

Non conosciuto

 

 

 

 

 

 

 

 

Un’attenta, esatta ricostruzione della realtà socio-storico-culturale che volge lo sguardo indietro, nella notte dei tempi.

 

All’inizio, i primi insediamenti sono simili a tutti gli altri lungo il litorale tirrenico.

 

 

Troviamo poi Santa Marinella fenicia, quando diventa statio ad Punicum, quindi etrusca nel suo Castrum Vetus,e poi romana quando si trasforma in Castrum Novum.

 

 

L’aggancio con Roma dura nel tempo, ma le devastazioni barbariche spogliano poi il territorio, rendendolo nudo e deserto,  pur conservando nel suo ventre il ricordo, anzi “pezzi” di sé, pezzi che riaffioreranno con gli scavi dopo secoli e secoli di letargo profondo.

 

 

Dalla caduta dell’Impero Romano alla fine del Medio Evo, per circa mille anni, il territorio devastato non ha storia.

 

Poi, con i Barberini riacquista fisionomia e, verso la fine del XIX secolo, con il Principe Baldassarre Odescalchi, ritorna a nuova vita.

 

 

Nasce la Santa Marinella di oggi, opulenta e vivace, culturalmente ricca di iniziative originali.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bracciano negli occhi della memoria

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Titolo

Autore

Editore

Prezzo

 

Bracciano negli occhi della memoria

Angela Carlino Bandinelli

Edizioni Mediterranee, 2004

17.95 euro

 

 

 

 

 

 

 

 

L’excursus storico ha il suo inizio nell’età preistorica e protostorica.

 

Ma le rive del lago vivono anche la realtà etrusca e quindi, nel tempo, la potenza di Roma.

 

Ricordiamo Forum Clodii, costituitosi presumibilmente in età augustea  (o al più cesariana).

 

Poi… ecco  arrivare i Longobardi.

 

Con la fine dell’Impero Romano, il bisogno di essere difesi induce la gente ad affidarsi alla protezione di “Signori”.

 

 

All’inizio del secondo millennio p.C.n.  il Lacus Sabatinus appartiene al Conte “Guido di Bellisone”.

Troviamo poi i Prefetti di Vico.

 

Il Millequattrocento vede la nascita del castello con la Famiglia Orsini, fra le più potenti del tempo.

 

E negli occhi della memoria si susseguono i fatti, secolo dopo secolo, fino all’avvento degli Odescalchi e quindi fino ai nostri giorni.   

 

 

Bracciano, una pietra preziosa incastonata nel territorio laziale, un territorio   forse unico al mondo per il suo grande cuore che batte ormai da quasi tremila anni: la caput mundi.

 

Dal Latium vetus dei Latini al Latium novum, risorsa ma anche attento occhio dell’Impero Romano aperto sul mondo allora conosciuto, un territorio del quale si potrebbe dire:

 

"Qui si è vissuta la gestazione della storia d’Europa".

 

 

Non a caso, infatti, si dice che tutte le strade portano a Roma, così come se ne dipartono e se ne dipartirono, in un passato ormai remoto, per unire ogni luogo al tempo raggiungibile.

 

E ovunque, ancor oggi, sono evidenti i segni della civiltà e della grandezza romana.

 

 

Ogni angolo del Lazio ha una sua particolare espressività, un rilevante significato estetico naturale e socio-storico-culturale.

 

Le sue coste e il suo mare, i laghi, le montagne mai nemiche, le colline, gli antichi borghi fortificati, le strade consiliari, le vetuste rovine sparse nell’Agro, i monumenti, i boschi silenti , le Basiliche nella città eterna…

 

 

Bracciano ne ingloba ogni aspetto.

 

L’azzurra, placida distesa delle acque del Lacus Sabatinus ha fatto ormai dimenticare le esplosioni vulcaniche che ne scavarono l’alveo.

 

 

La maestosità del turrito maniero alto sul colle parla ai visitatori, che giungono da ogni parte del mondo, di fatti d’arme, di splendide cavalcate e sontuosi festini, di eventi storici e di avventure mentre il Borgo, arroccato accanto al suo castello, racconta il quotidiano laborioso vivere dei suoi abitanti, del loro modus cogitandi, di usi e costumi, tradizioni.

 

Ogni pietra delle antiche vie è un ricordo e tramanda l’eco di piccole e grandi storie, ricorda l’umanità e la saggezza di chi ci ha preceduto, di chi ha aperto le strade che oggi noi percorriamo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bracciano – Sguardo al passato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Titolo

Autore

Editore

Prezzo

 

Bracciano – Sguardo al passato

Angela Carlino Bandinelli

Non conosciuto

Non conosciuto

 

 

 

 

 

 

 

 

Un’estrema sintesi per i visitatori del Museo, sintesi che tende a realizzare  un’immagine della realtà socio-storico-culturale del territorio.

 

Una realtà temporale in cui gli avvenimenti eccezionali sono rarefatti nel tempo mentre l’operosità del quotidiano nei campi, nelle ferriere, nella cartiera, nelle botteghe artigiane, costituisce una costante vissuta con il gusto del vivere.

 

 

Camminando di giorno per le vie del Paese, il suo antico spirito viene  sommerso dalle cacofonie dell’età moderna.

 

Nella notte, però, il passato aleggia e rivive nell’aria silenziosa.

 

 

E l’anima del Paese respira, intatta.

 

 

 

 

La Voce del Lago, ANNO IV - n. 46 - giugno 2006

 

 

"NON UNA SEMPLICE GUIDA

 

Presentato “Bracciano, Sguardo al passato” di Angela Carlino Bandinelli

 

Chi ne ha letto altri libri di carattere storico ne riconosce subito lo stile, romanzato ma fondato su solidi documenti di archivio.

 

Così anche “Bracciano, Sguardo al passato” di Angela Carlino Bandinelli, una guida alla città lacustre ci invita a guardare il paese con un occhio diverso ed accattivante, scoprendo luoghi, volti e personaggi di una Bracciano che fu capitale dell’importante feudo Orsini e successivamente un polo industriale.

 

Il lavoro, presentato a Bracciano il 3 giugno scorso dalla stessa Bandinelli, pedagogista di fama nazionale ed internazionale oltre che di didattica differenziale, è concepito come uno strumento ad uso e consumo del turista, ma non manca di far scopirire pagine inedite di storia locale anche a braccianesi doc.

 

E la Carlino Bandinelli è avida di curiosità e le va scovando da anni per archivi. Durante la presentazione al chiostro degli Agostiniani ne ha dato un breve saggio.

 

“Nel 1622 troviamo che l’addetto all’orologio del campanile, per regolarlo e caricarlo ed averne cura guadagna una “fogliata d’aglio” al mese”, “che nel 1656 Bracciano conta 1044 persone ma che la frazione di Pisciarelli ne ha 347”, che chi a metà dell’Ottocento “tenterà di baciare violentemente alcuna donna onesta, ancorché non giunga effettivamente al bacio, ma solamente all’abbracciamento, o altr’atto simile prossimo al bacio, cascherà nella pena della galera perpetua e nella confiscazione de beni”.

 

E a testimonianza di tempi antichi ci sono anche strani oggetti: tra i quali il marchio di legno con il quale le famiglie “marchiavano” i biscotti portati al forno a cuocere: c’è quello dei Marini, degli Apolloni, etc..

 

Impreziosito dalle foto di Germano Lucci, e dedicato dall’autrice ad un primario “speciale”, Marcello Maria Marini, che guida il reparto di Ortopedia dell’ospedale di Bracciano, “Bracciano, Sguardo al passato” è una guida sui generis, senz’altro da leggere con trasporto e da conservare."

 

 

Graziarosa Villani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pisciarelli nel tempo conosciuto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Titolo

Autore

Editore

Prezzo

 

Pisciarelli nel tempo conosciuto

Angela Carlino Bandinelli

Edizione motu proprio

Non conosciuto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le Terme di Stigliano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Titolo

Autore

Editore

Prezzo

 

Le Terme di Stigliano – Collage di ricerche

Angela Carlino Bandinelli

Al momento inedito

-

 

 

 

 

 

 

 

 

Con questo lavoro entriamo nel passato remoto, entriamo in Etruria.

 

È noto che gli Etruschi nutrivano per le sorgenti un vero e proprio culto e ritenevano le acque un dono degli Dei.

 

 

Dall’Etruria a Roma imperiale, quando le acque di Stigliano venivano chiamate Aquae Apollinares Veteres.

 

Le Terme erano dei veri e propri stabilimenti idroterapici. Scrive Plinio: In nulla enim parte naturae majora sunt miracula quam in thermis.

 

 

Trascorrono i secoli, trascorrono i millenni  con vicende alterne…

 

Ancor oggi le Terme ospitano e curano con l’efficacia di sempre.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lungimiranza popolare e amministrativa per una realtà militare a Bracciano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Titolo

Autore

Editore

Prezzo

 

Lungimiranza popolare e amministrativa per una realtà militare a Bracciano

Angela Carlino Bandinelli

Al momento inedito

-

 

 

 

 

 

 

 

 

Ricerca d’archivio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Manoscritti catastali riguardanti il territorio di Manziana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Titolo

 

Autore

Editore

Prezzo

 

Manoscritti catastali riguardanti il territorio di Manziana - Tenimentum Castri Sanctae Pupae, dalla seconda metà del XVI alla metà del XIX secolo

Don Giovanni Carafa

Manziana, 2005

Fuori commercio

 

 

 

 

 

 

 

 

Ricerca d’archivio.

 

 

Dalla Presentazione del Professor Lidio Gasperini, Cattedratico dell'Università degli Studi di Roma "Tor Vergata".

 

 

"...più di 2500 fogli manoscritti in scritture amanuensi ... stilate nei secoli che vanno dal Cinquecento all'Ottocento ... in edizione integrale ... ventitre manoscritti, che sono tutti catasti, meno alcune transazioni ed un 'brogliardo della mappa della Manziana' del 1819.

 

Si tratta di documenti ufficiali, promananti dal Pio Istituto di S. Spirito in Sassia, titolare dell'antico feudo, datati e redatti da tecnici (di solito agrimensori) incaricati del censimento dei terreni e dei fabbricati.

 

 

Dalla lettura di essi emerge in modo impressionante la compagine della popolazione locale, cosi come il quadro della reale forza-lavoro attiva nell'antico feudo della Manziana.

 

Più in dettaglio impressionano i dati relativi alla provenienza dei primi "cappannari" (per lo più dall'Umbria, dalle Marche, dalla Toscana), la quale ricorda da vicino quelli del confinante feudo oriolese dei Santacroce; ma, oltre quelli relativi all'origine, anche quelli relativi all'antichità di insediamento di alcune famiglie manzianesi, i cui discendenti fanno parte del non grosso nucleo dei manzianesi "veraci" della popolazione attuale.

 

 

Quanto alla forza-lavoro, rimangono con nome e cognome gli addetti all'agricoltura, all'orticoltura, alla viticoltura, all'allevamento del bestiame, e con essi le aree di differente vocazione agricola e pastorale, legate alla natura dei suoli e alla morfologia dei siti e alla presenza di fonti di irrigazione.

 

Riemerge anche l'antico sfruttamento delle cave e dei giacimenti argilliferi del territorio con l'istallazione della vecchia fornace, che è stata attiva fino alla metà del secolo passato.

 

 

Ma il dato più ricorrente e più connaturato al tipo dei documenti presentati è ovviamente quello toponomastico, che permette il recupero (e talora anche la correzione) dei toponimi oncor oggi esistenti oppure scomparsi, e parimenti la perfetta definizione degli antichi confini, cosi interni come perimetrali, del feudo (con Bracciano ad est, Oriolo a nord, Monterano ad ovest) e delle strade antiche.

 

 

Attraversando questi documenti è dato cogliere da un'angolazione tutta particolare il recupero di un mondo lontano, regolato da norme e consuetudini evolutesi nel tempo e in gran parte superate: un mondo chiuso che ruotava attorno al fulcro monumentale del feudo, costituito dal Palazzo di S. Spirito, che è a tutt'oggi l'edificio più significativo di Manziana...

 

Questi e mille altri elementi, utili alla ricostruzione storica del territorio manzianese dal Cinquecento all'Ottocento, il lettore attento e appassionato può scoprire sfogliando le 900 pagine di questo ponderoso volume..."

 

 

Nota

 

I Manoscritti, provenienti dall'Archivio di Stato di Roma, nel quale sono conservati gli originali, sono stati autorizzati alla pubblicazione dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali.