Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

La cultura siamo noi Noi la parola

La società siamo noi, noi la cultura e la nostra storia:  la cultura non ha comparti né livelli - o c'è o non c'è.

Proteggiamo la cultura popolare, madre di tutte le culture!

Il materiale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

50 anni dopo "L'Italia è tutta un Vajont"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un disastro annunciato e denunciato

 

Un disastro annunciato e denunciato

L'articolo di denuncia pubblicato da Tina Merlin sull'Unità il 5 maggio 1959 (!)

Prima della tragedia

La tragedia

Dopo la tragedia  

Al di là di tutto, restano al solito le troppe morti inutili e la difficile sopravvivenza di pochi

 

Ricordando con dovuto rispetto ed immutato affetto le vittime del terremoto in Abruzzo, anche se non fa più “titolo”...

La nostra “comune umanità”

Migrante che vai – migrante che vieni

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

 

Un disastro annunciato e denunciato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pochissimi giornalisti coraggiosi, tra cui Tina Merlin dell'Unità (per questo processata!), e alcuni periti onesti ne segnalano invano la pericolosità da anni.

 

Se ascoltati, la strage potrebbe essere benissimo evitata, ma prevalgono le solite logiche economiche del profitto, un "profitto" mai comunque ottenuto, perché quella diga - allora la più alta in assoluto e ancora oggi la quinta più alta del mondo - è in disuso, con al posto dell'acqua un pezzo di montagna nell’invaso!