Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

La cultura siamo noi Noi la parola

La società siamo noi, noi la cultura e la nostra storia:  la cultura non ha comparti né livelli - o c'è o non c'è.

Proteggiamo la cultura popolare, madre di tutte le culture!

Il materiale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Riempire le piazze”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Politica “in piazza” o “ di piazza”?

 

Politica “in piazza” o “ di piazza”?

Dall’agorà greca al forum romano e l’Italia delle piazze

La piazza dall’Età Tardo-Romana al Risorgimento

La piazza di Mussolini e le “adunate”

La piazza del Secondo Dopoguerra si spacca e svanisce

La piazza televisiva di Berlusconi e la politica come messaggio promozionale-pubblicitario

La piazza virtuale di Grillo e la politica come spettacolo

Dall’Italia delle piazze a quella delle “piazzate”

 

 

Luciano Russo - Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

 

Politica “in piazza” o “ di piazza”?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Poco importa ormai, perché il potere magico delle parole (e delle immagini) ammalia, seduce, e la piazza è oggi il vero Governo italiano: si intimidisce già solo minacciando di “scendere in piazza”.

 

Attore, predicatore o politico, esercitano tutti il medesimo potere magico sul pubblico - spettatori, fedeli o elettori - facendo forza sulla totale irrazionalità delle semplificazioni estreme, sulla capacità di persuasione della giustizia di cause false, sull’inculcamento di convinzioni che fanno appello a quanto di meno apprezzabile ci sia nella natura umana, sullo stato quasi ipnotico in cui viene ridotta la gente dal terrorismo mediatico 24-7 della società dell’apparenza: si  direbbe ipso facto bugiardi e truffatori, ma non è proprio questo lo scopo di ogni filosofia, religione e politica - illuderci di una realtà “migliore”?

 

(Continua)