Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

La cultura siamo noi Noi la parola

La società siamo noi, noi la cultura e la nostra storia:  la cultura non ha comparti né livelli - o c'è o non c'è.

Proteggiamo la cultura popolare, madre di tutte le culture!

Il materiale originale in questa pagina è © Paolo D'Arpini: la Redazione ringrazia l'autore per averne autorizzato la ripubblicazione e l'adattamento nel portale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Io Sono" di Paolo D'Arpini, detto "Saul"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Quel senso di presenza che dice "Io Sono" è il solo capitale che abbiamo...

 

 

Paolo D'Arpini, detto "Saul" Una presentazione  

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

 

Quel senso di presenza che dice "Io Sono" è il solo capitale che abbiamo...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Caro Paolo,

 

 

continuo a leggerti...

 

Quante parole...

Sei una poesia vivente ed io ogni giorno bevo un po' da questa sorgente di pure acque, anche se a volte dici pubblicamente delle cose così intime che mi sembra quasi di essere un voyeur che guarda da un buco della serratura...

 

E mi sento quasi in imbarazzo.

 


Parli del senso di presenza, dell'
Io Sono.

 

Ma io, sarà per il caldo di questi giorni che mi stordisce, sento allontanarsi e farsi sempre più flebile il mio senso di esserci, come se per un po' avessi bisogno di non esserci, per ritrovarmi, io stessa: e solo il fatto di pensarlo e di sentire che è possibile, mi fa star meglio.
 

 

Caterina

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Carissima Caterina,

 

 

che gioia leggere la tua lettera...
 

L'“Io Sono” è l'Ego, quel riflesso della coscienza che si appropria del vissuto e decide di essere lui l'attore ed autore delle azioni compiute...

 

 

Il desiderio che provi verso il sottile vuoto dell'io, non macchiato da identificazioni, è la naturale e spontanea propensione a ritornare quel che siamo sempre stati: l'Io, il Sé, l'Assoluto, che è consapevolezza aldilà del tempo e dello spazio e priva di ogni minima traccia di oggettivazione.

 

Pura soggettività non consapevole di essere consapevole.

 

Il riposo della mente, il luogo intimo dal quale la mente sorge e si scioglie.

 

 

Quello tu sei e null'altro...
 

 

Paolo