Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La cultura siamo noi Noi la parola

La società siamo noi, noi la cultura e la nostra storia:  la cultura non ha comparti né livelli - o c'è o non c'è.

Proteggiamo la cultura popolare, madre di tutte le culture!

Il materiale originale in questa pagina è © dei rispettivi autori: la Redazione li ringrazia per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Il materiale è redatto per lo schermo da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giulio Barlassina Ricordando un Giusto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Insieme per dire Grazie (continua)

Le lettere del dopo (continua)

Lettere di Giulio a Nino e Paola, due amici di Catania (continua)

 

Insieme per dire Grazie

Il Progetto

Le lettere del prima

Le dimissioni da Superiore Regionale della Guinea Bissau

Analisi sulla situazione della Guinea Bissau

Le lettere del dopo

Da una lettera ad un membro della D.[irezione] G.[enerale del PIME - Pontificio Istituto Missioni Estere di Milano]

Una lettera di Giulio a Rita Gentile, amica di Siracusa, per tre anni volontaria in Costa D’Avorio

Due lettere di Giulio a Mario Garofalo, studente di teologia in Bangladesh

Lettere di Giulio a Nino e Paola, due amici di Catania

Il ricordo

 

Chiesa senza Cristo “Non credo alle parole, ma ai comportamenti”: basta con una Chiesa in retromarcia al Medioevo, che perde ogni giorno quel che resta della sua credibilità

Noi, uomini "liberi" – dal comunismo primitivo allo schiavismo, dal Cristianesimo primitivo alla "schiavitù di fatto" dei nostri giorni

“Per una dignità dell’Etica Laica” di Lorenzo Paolini

“Paolesimo e Cristianesimo” di Lorenzo Paolini

Visionari: Le idee che cambiano il mondo - "Intervista a Santa Chiara"

La "grande differenza"

άν-άρχή ‒ Il pensiero anarchico, "La libertà degli altri espande la mia all'infinito!" Michail Bakunin

Fabrizio Cristiano De André – Uomo, poeta, anarchico

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Insieme per dire Grazie (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le lettere del dopo (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lettere di Giulio a Nino e Paola, due amici di Catania (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“13 giugno 1989
 

 

Nino,

 

 

nelle ferie dello scorso anno mi sono goduto Verga.

 

In quelle di quest’anno mi sono goduto – e in misura ben maggiore – te, nel tuo Diario.
 

 

Auguro che molti abbiano la stessa fortuna che ho avuto io – insieme ad Elisa – di leggere ‘tutto’ (e non solo a brani, che pur hanno un proprio valore) questo Diario.

 

Mi sento avvolgere da un’atmosfera di profondo ottimismo, che mi fa dire: la vita è sempre bella e sempre vale la pena di viverla, perché è piena della positività che tutte le persone in essa incontri.
 

 

La vena di leopardiana malinconia che sottende un po’ tutto lo scritto, esalta la carica positiva del modo di sentire la vita nella concretezza dei suoi valori e nella sua quotidianità.
 

Ti invidio lo ‘strumento di sensibilità, quell’altenna fine e captante’ che la tua storia e la tua indole ti hanno permesso di forgiarti.

 

 

E allo stesso modo invidio la tua capacità di espressione spontanea, sempre piena di novità che coinvolge alla semplice lettura.

 

Grazie Nino per questo regalo che ci hai fatto, che si può contraccambiare solo con la continuità della fruizione di un’amicizia ricca come la tua e quella di Paola.
 

 

Giulio”