Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

La cultura siamo noi Noi la parola

La societ siamo noi, noi la cultura e la nostra storia:  la cultura non ha comparti n livelli - o c' o non c'.

Proteggiamo la cultura popolare, madre di tutte le culture!

Il materiale in questa pagina redatto da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fabrizio Cristiano De Andr Uomo, anarca, poeta

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tutte le raccolte di Fabrizio De Andr (continua)

Anime salve

Le liriche

Prinesa

Khorakhan
Anime salve

Dolcenera

Le acciughe fanno il pallone

Disamistade

'A cumba

Ho visto Nina volare

Smisurata preghiera

 

L'uomo e il suo pensiero critico

Il poeta della cultura libertaria italiana

"Io anarchico"  

Tutte le raccolte di Fabrizio De Andr

Tutto Fabrizio De Andr

Vol. 1

Tutti morimmo a stento
Vol. 3

Nuvole barocche

La buona novella
Non al denaro non all'amore n al cielo

Storia di un impiegato

Canzoni

Vol. 8

Fabrizio De Andr

Rimini

Fabrizio De Andr (Indiano)

Creuza de m

Le nuvole

Anime salve

Mi innamoravo di tutto

In direzione ostinata e contraria (Vol. 1)

In direzione ostinata e contraria (Vol. 2)

Sogno N. 1  

 

άν-άρχή ‒ Il pensiero anarchico: "La libert degli altri espande la mia all'infinito!" Michail Bakunin

Noi, uomini "liberi" dal comunismo primitivo allo schiavismo, dal Cristianesimo
primitivo alla "schiavit di fatto" dei nostri giorni

"Podrn morir las personas, pero jams sus ideas!" - Che Guevara

 

 

Luciano Russo - Una presentazione  

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Tutte le raccolte di Fabrizio De Andr (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anime salve

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Prinesa

Khorakhan
Anime salve

Dolcenera

Le acciughe fanno il pallone

Disamistade

'A cumba

Ho visto Nina volare

Smisurata preghiera

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le liriche

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Prinesa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sono la pecora sono la vacca
che agli animali si vuol giocare
sono la femmina camicia aperta
piccole tette da succhiare
 

 

Sotto le ciglia di questi alberi
nel chiaroscuro dove son nato
che l'orizzonte prima del cielo
ero lo sguardo di mia madre

"che Fernandino come una figlia
mi porta a letto caff e tapioca
e a ricordargli che nato maschio
sar l'istinto sar la vita"


e io davanti allo specchio grande
mi paro gli occhi con le dita a immaginarmi
tra le gambe una minuscola fica

nel dormiveglia della corriera
lascio l'infanzia contadina
corro all'incanto dei desideri
vado a correggere la fortuna

nella cucina della pensione
mescolo i sogni con gli ormoni
ad albeggiare sar magia
saranno seni miracolosi

perch Fernanda proprio una figlia
come una figlia vuol far l'amore
ma Fernandino resiste e vomita
e si contorce dal dolore

e allora il bisturi per seni e fianchi
in una vertigine di anestesia
finch il mio corpo mi rassomigli
sul lungomare di Bahia

sorriso tenero di verdefoglia
dai suoi capelli sfilo le dita
quando le macchine puntano i fari
sul palcoscenico della mia vita

dove tra ingorghi di desideri
alle mie natiche un maschio s'appende
nella mia carne tra le mie labbra
un uomo scivola l'altro si arrende

che Fernandino mi morto in grembo
Fernanda una bambola di seta
sono le braci di un'unica stella
che squilla di luce di nome Princesa

a un avvocato di Milano
ora Princesa regala il cuore
e un passeggiare recidivo
nella penombra di un balcone

o matu (la campagna)
o cu (il cielo)
a senda (il sentiero)
a escola (la scuola)
a igreja (la chiesa)
a desonra (la vergogna)
a saia (la gonna)
o esmalte (lo smalto)
o espelho (lo specchio)
o baton (il rossetto)
o medo (la paura)
a rua (la strada)
a bombadeira (la modellatrice)
a vertigem (la vertigine)
o encanto (l'incantesimo)
a magia (la magia)
os carros (le macchine)
a policia (la polizia)
a canseira (la stanchezza)
o brio (la dignit)
o noivo (il fidanzato)
o capanga (lo sgherro)
o fidalgo (il gransignore)
o porcalhao (lo sporcaccione)
o azar (la sfortuna)
a bebedeira (la sbronza)
as pancadas (le botte)
os carinhos (le carezze)
a falta (il fallimento)
o nojo (lo schifo)
a formusura (la bellezza)
viver (vivere).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Khorakhan* ("A forza di essere vento") (* = Trib rom di provenienza serbo-montenegrina)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il cuore rallenta la testa cammina
in quel pozzo di piscio e cemento
a quel campo strappato dal vento
a forza di essere vento

porto il nome di tutti i battesimi
ogni nome il sigillo di un lasciapassare
per un guado una terra una nuvola un canto
un diamante nascosto nel pane

per un solo dolcissimo umore del sangue
per la stessa ragione del viaggio viaggiare
Il cuore rallenta e la testa cammina
in un buio di giostre in disuso

qualche rom si fermato italiano
come un rame a imbrunire su un muro
saper leggere il libro del mondo
con parole cangianti e nessuna scrittura

nei sentieri costretti in un palmo di mano
i segreti che fanno paura
finch un uomo ti incontra e non si riconosce
e ogni terra si accende e si arrende la pace

i figli cadevano dal calendario
Yugoslavia Polonia Ungheria
i soldati prendevano tutti
e tutti buttavano via

e poi Mirka a San Giorgio di maggio
tra le fiamme dei fiori a ridere a bere
e un sollievo di lacrime a invadere gli occhi
e dagli occhi cadere

ora alzatevi spose bambine
che venuto il tempo di andare
con le vene celesti dei polsi
anche oggi si va a caritare

e se questo vuol dire rubare
questo filo di pane tra miseria e sfortuna
allo specchio di questa kampina
ai miei occhi limpidi come un addio

lo pu dire soltanto chi sa di raccogliere in bocca
il punto di vista di Dio

Cvava sero po tute
i kerava
jek sano ot mori
i taha jek jak kon kasta


Poser la testa sulla tua spalla
e far
un sogno di mare
e domani un fuoco di legna

vasu ti baro nebo
avi ker
kon ovla so mutavia
kon ovla


perch l'aria azzurra
diventi casa
chi sar a raccontare
chi sar

ovla kon ascovi
me gava palan ladi
me gava
palan bura ot croiuti


sar chi rimane
io seguir questo migrare
seguir
questa corrente di ali.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anime salve

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mille anni al mondo mille ancora
che bell'inganno sei anima mia
e che bello il mio tempo che bella compagnia
sono giorni di finestre adornate

canti di stagione
anime salve in terra e in mare
sono state giornate furibonde
senza atti d'amore

senza calma di vento
solo passaggi e passaggi
passaggi di tempo
ore infinite come costellazioni e onde

spietate come gli occhi della memoria
altra memoria e no basta ancora
cose svanite facce e poi il futuro
i futuri incontri di belle amanti scellerate

saranno scontri
saranno cacce coi cani e coi cinghiali
saranno rincorse morsi e affanni per mille anni
mille anni al mondo mille ancora

che bell'inganno sei anima mia
e che grande il mio tempo che bella compagnia
mi sono spiato illudermi e fallire
abortire i figli come i sogni

mi sono guardato piangere in uno specchio di neve
mi sono visto che ridevo
mi sono visto di spalle che partivo
ti saluto dai paesi di domani

che sono visioni di anime contadine
in volo per il mondo
mille anni al mondo mille ancora
che bell'inganno sei anima mia

e che grande questo tempo che solitudine
che bella compagnia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dolcenera

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Amala ch' l'ara ama cum' l'
amiala cum' l'aria ch' l' l ch' l' l
amiala cum' l'aria ama amia cum' l'
amiala ch' l'ara amia ch' l' l ch' l' l


[Guardala che arriva guarda com' com'
guardala come arriva guarda che lei che lei
guardala come arriva guarda guarda com'
guardala che arriva che lei che lei]

nera che porta via che porta via la via
nera che non si vedeva da una vita intera cos dolcenera nera
nera che picchia forte che butta gi le porte

nu l' l'aegua ch' f baggi
imbaggi imbaggi


[Non l'acqua che fa sbadigliare
(ma) chiudere porte e finestre chiudere porte e finestre]

nera di malasorte che ammazza e passa oltre
nera come la sfortuna che si fa la tana dove non c' luna luna
nera di falde amare che passano le bare

tru da stram
nu n' nu n'


[Altro da traslocare
non ne ha non ne ha]

ma la moglie di Anselmo non lo deve sapere
ch venuta per me
arrivata da un'ora
e l'amore ha l'amore come solo argomento

e il tumulto del cielo ha sbagliato momento
acqua che non si aspetta altro che benedetta
acqua che porta male sale dalle scale sale senza sale sale
acqua che spacca il monte che affonda terra e ponte

nu l' l'aaegua de 'na ramm
'n calab 'n calab


[Non l'acqua di un colpo di pioggia
(ma) un gran casino un gran casino]

ma la moglie di Anselmo sta sognando del mare
quando ingorga gli anfratti si ritira e risale
e il lenzuolo si gonfia sul cavo dell'onda
e la lotta si fa scivolosa e profonda

amiala cum' l'aria ama cum' l' cum' l'
amiala cum' l'aria amia ch' l' l ch' l' l


[Guardala come arriva guarda com' com'
guardala come arriva guarda che lei che lei]

acqua di spilli fitti dal cielo e dai soffitti
acqua per fotografie per cercare i complici da maledire
acqua che stringe i fianchi tonnara di passanti

tru da camall
nu n' nu n'


[Altro da mettersi in spalla
non ne ha non ne ha]

oltre il muro dei vetri si risveglia la vita
che si prende per mano
a battaglia finita
come fa questo amore che dall'ansia di perdersi

ha avuto in un giorno la certezza di aversi
acqua che ha fatto sera che adesso si ritira
bassa sfila tra la gente come un innocente che non c'entra niente
fredda come un dolore Dolcenera senza cuore

atru de rebell
nu n' nu n'


[Altro da trascinare
non ne ha non ne ha]

e la moglie di Anselmo sente l'acqua che scende
dai vestiti incollati da ogni gelo di pelle
nel suo tram scollegato da ogni distanza
nel bel mezzo del tempo che adesso le avanza

cos fu quell'amore dal mancato finale
cos splendido e vero da potervi ingannare

Amala ch' l'ara ama cum' l'
amiala cum' l'aria ch' l' l ch' l' l
amiala cum' l'aria ama amia cum' l'
amiala ch' l'ara amia ch' l' l ch' l' l


[Guardala che arriva guarda com' com'
guardala come arriva guarda che lei che lei
guardala come arriva guarda guarda com'
guardala che arriva che lei che lei.]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le acciughe fanno il pallone

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le acciughe fanno il pallone
che sotto c' l'alalunga
se non butti la rete
non te ne lascia una

alla riva sbarcher
alla riva verr la gente
questi pesci sorpresi
li vender per niente

se sbarcher alla foce
e alla foce non c' nessuno
la faccia mi laver
nell'acqua del torrente

ogni tre ami
c' una stella marina
amo per amo
c' una stella che trema

ogni tre lacrime
batte la campana
passano le villeggianti
con gli occhi di vetro scuro

passano sotto le reti
che asciugano sul muro
e in mare c' una fortuna
che viene dall'oriente

che tutti l'hanno vista
e nessuno la prende
ogni tre ami
c' una stella marina

ogni tre stelle
c' un aereo che vola
ogni tre notti
un sogno che mi consola

bottiglia legata stretta
come un'esca da trascinare
sorso di vena dolce
che liberi dal male

se prendo il pesce d'oro
ve la far vedere
se prendo il pesce d'oro
mi sposer all'altare

ogni tre ami
c' una stella marina
ogni tre stelle
c' un aereo che vola

ogni balcone
una bocca che m'innamora
ogni tre ami
c' una stella marina

ogni tre stelle
c' un aereo che vola
ogni balcone
una bocca che m'innamora

le acciughe fanno il pallone
che sotto c' l'alalunga
se non butti la rete
non te ne lascia una
non te ne lascia una
non te ne lascia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Disamistade (= disamicizia, faida)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Che ci fanno queste anime
davanti alla chiesa
questa gente divisa
questa storia sospesa

a misura di braccio
a distanza di offesa
che alla pace si pensa
che la pace si sfiora

due famiglie disarmate di sangue
si schierano a resa
e per tutti il dolore degli altri
dolore a met

si accontenta di cause leggere
la guerra del cuore
il lamento di un cane abbattuto
da un'ombra di passo

si soddisfa di brevi agonie
sulla strada di casa
uno scoppio di sangue
un'assenza apparecchiata per cena

e a ogni sparo all'intorno
si domanda fortuna
che ci fanno queste figlie
a ricamare a cucire

queste macchie di lutto
rinunciate all'amore
fra di loro si nasconde
una speranza smarrita

che il nemico la vuole
che la vuol restituita
e una fretta di mani sorprese
a toccare le mani

che dev'esserci un modo di vivere
senza dolore
una corsa degli occhi negli occhi
a scoprire che invece
soltanto un riposo del vento

un odiare a met
e alla parte che manca
si dedica l'autorit

che la disamistade
si oppone alla nostra sventura
questa corsa del tempo
a sparigliare destini e fortuna

che fanno queste anime
davanti alla chiesa
questa gente divisa
questa storia sospesa.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A cumba (La colomba)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pretendente:
 

Gh'aivu 'na bella cmba ch' l' xea foea de c
gianca cun' nie ch' deslengue a cian d' s.

Duv'a l', duv'a l'?

 

Che l'han vursciua vedde ceg l'e a st cas
spita cume l'aigua ch' derua z p'ou ri.

Nu ghe n', nu ghe n', nu ghe n'!

 

 

 

 

Pretendente:

Avevo una bella colomba che volata fuori casa
bianca come la neve che si scioglie a pian del sale.

Dov', dov'?

 

Che l'hanno vista piegare le ali verso questo casale
veloce come l'acqua che precipita dal rio.

Non ce n', non ce n', non ce n'!

 

 

 

 

 

 

 

Padre:


Cau ou m zuenottu ve porta miga na smangiaxun
che se cusc fise puriesci anvene 'n gattixun.
Nu ghe n' nu ghe n' nu ghe n'.

 

 

 

Padre:

Caro il mio giovanotto non vi porta mica qualche prurito
che se cos fosse potreste andarvene in giro per amorazzi.
Non ce n' non ce n' non ce n'.

 

 

 

 

 

 

 

Pretendente:


Vegnu d' c du rattu ch'ou magun ou sliga i p.

 

 

 

Pretendente:

Vengo dalla casa del topo che l'angoscia slega i piedi.

 

 

 

 

 

 

 

Padre:


Chi de cumbe d'tri ne n' vegne nu se n' pos.

 

 

 

Padre:

Qui di colombe d'altri non ne son venute non se ne son posate.

 

 

 

 

 

 

 

Pretendente:


Vegnu c'ou coeu marottu de 'na pasciun che nu ghe n'.

 

 

 

Pretendente:

Vengo con il cuore malato di una passione che non ha uguali.

 

 

 

 

 

 

 

Padre:


Chi gh' 'na cumba gianca ch' nu l' vostra ch' l' a me.
Nu ghe n' tre nu ghe n' / nu ghe n' tre nu ghe n'.

 

 

 

Padre:

Qui c' una colomba bianca che non la vostra che la mia.
Non ce n' altre non ce n' / non ce n' altre non ce n'.

 

 

 

 

 

 

 

Coro:


A l'e xu l' xu / a cumba gianca
de noette l' xu / au cian d' s.
A truvian truvian / cumba gianca
de mazu truvian / au cian d'ou pan.

 

 

 

Coro:

E' volata volata / la colomba bianca
di notte volata / a pian del sale.
La troveranno la troveranno / la colomba bianca
di maggio la troveranno / al pian del pane.

 

 

 

 

 

 

 

Pretendente:


Vui nu vuriesci dmela sta cumba da mai
gianca cum' neie ch' deslengue 'nt o ri.
Duv'a l' duv'a l' / duv'a l' duv'a l'.

 

 

 

Pretendente:

Voi non vorreste darmela questa colomba da maritare
bianca come la neve che si scioglie nel rio.
Dov' dov' dov' dov' dov'.

 

 

 

 

 

 

 

Padre:


Mi che sta cumba bella a st de lungu a barbaciu
che nu m' posse vdde scricchi 'nte n'tru niu.
Nu ghe n' tre nu ghe n' / nu ghe n' tre nu ghe n'.

 

 

 

Padre:

Guardate che bella colomba abituata a cantare in allegria
che io non la debba mai vedere stentare in un altro nido.
Non ce n' non ce n' / non ce n' non ce n'.

 

 

 

 

 

 

 

Pretendente:


A tegnio dindanse sutt 'n angiou de melgran
c a cua ch'ou l'ha d' sa man linga d'ou bambaxia.
Duv'a l' duv'a l' / duv'a l' duv'a l'.

 

 

 

Pretendente:

La terr a dondolarsi sotto una pergola di melograni
con la cura che ha della seta la mano leggera del bambagiaio.
Dov' dov' dov' dov' dov'
.

 

 

 

 

 

 

 

Padre:


Zuenu ch'ei bn parlu 'nte sta seian-a de frev.

 

 

 

Padre:

Giovane che avete ben parlato in questa sera di febbraio.

 

 

 

 

 

 

 

Pretendente:


A tegnio dindanse sutt 'n angiou de melgran.

 

 

 

Pretendente:

La terr a dondolarsi sotto una pergola di melograni.

 

 

 

 

 

 

 

Padre:


Sai che sta cumba mazu a xeu d' m 'nt vostra c.

 

 

 

Padre:

Sappiate che questa colomba a maggio voler dalla mia nella vostra casa.

 

 

 

 

 

 

 

Pretendente:


Cu ' cua ch'ou l'ha d' sea mn lingea d'ou bambaxia.
Nu ghe n' tre nu ghe n' / nu ghe n' tre nu ghe n'.

 

 

 

Pretendente:

Con la cura che ha della seta la mano leggera del bambagiaio.
Non ce n' altre non ce n' / non ce n' altre non ce n'.

 

 

 

 

 

 

 

Coro:


A l'e xu l' xu / a cumba gianca
de noette l' xu / au cian d' s.
A truvian truvian / cumba gianca
de mazu truvian / au cian d'ou pan.

 

 

 

Coro:

E' volata volata la colomba bianca
di notte volata a pian del sale.
La troveranno la troveranno la colomba bianca
di maggio la troveranno a pian del pane.

 

 

 

 

 

 

 

Duv'a l' duv'a l' / ch' ne s'ascunde
se maia se maia / au cian dou pan.
Cum'a l' cum'a l' / l' cum' neie
ch' ven zu deslengu / da o ri.

 

 

 

dov' dov' che ci si nasconde
si sposer si sposer a pian del pane.
Com' com' come la neve
che viene gi sciolta dal rio.

 

 

 

 

 

 

 

A l'e xu l' xu / a cumba gianca
de mazu truvian / au cian d' s.
Duv'a l' duv'a l' / ch' ne s'ascunde
se maia se maia / au cian dou pan.

 

 

 

volata volata la colomba bianca
di maggio la troveranno al pian del sale.
Dov' dov' che ci si nasconde
si sposer si sposer al pian del pane.

 

 

 

 

 

 

 

Cmba cumbtta / beccu de sa
srva striggin c'ou maiu 'n giandn.
Martin ou v p / cun' l'aze der
foegu de lgne anime in .

 

Colomba colombina becco di seta
serva a strofinare per terra col marito a zonzo.
Martino va a piedi con l'asino dietro
fuoco di legna anime in cielo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ho visto Nina volare

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mastica e sputa
da una parte il miele
mastica e sputa
dall'altra la cera

mastica e sputa
prima che venga neve
luce luce lontana
pi bassa delle stelle

quale sar la mano
che ti accende e ti spegne
ho visto Nina volare
tra le corde dell'altalena

un giorno la prender
come fa il vento alla schiena
e se lo sa mio padre
dovr cambiar paese
se mio padre lo sa
mi imbarcher sul mare

Mastica e sputa
da una parte il miele
mastica e sputa
dall'altra la cera

mastica e sputa
prima che faccia neve
stanotte venuta l'ombra
l'ombra che mi fa il verso

le ho mostrato il coltello
e la mia maschera di gelso
e se lo sa mio padre
mi metter in cammino
se mio padre lo sa
mi imbarcher lontano

Mastica e sputa
da una parte il miele
mastica e sputa
dall'altra la cera

mastica e sputa
prima che metta neve
ho visto Nina volare
tra le corde dell'altalena

un giorno la prender
come fa il vento alla schiena
luce luce lontana
che si accende e si spegne

quale sar la mano
che illumina le stelle
mastica e sputa
prima che venga neve.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Smisurata preghiera

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alta sui naufragi
dai belvedere delle torri
china e distante sugli elementi del disastro
dalle cose che accadono al disopra delle parole
celebrative del nulla
lungo un facile vento
di saziet di impunit

Sullo scandalo metallico
di armi in uso e in disuso
a guidare la colonna
di dolore e di fumo
che lascia le infinite battaglie al calar della sera
la maggioranza sta la maggioranza sta
recitando un rosario
di ambizioni meschine
di millenarie paure
di inesauribili astuzie

Coltivando tranquilla
l'orribile variet
delle proprie superbie
la maggioranza sta
come una malattia
come una sfortuna
come un'anestesia
come un'abitudine
per chi viaggia in direzione ostinata e contraria

col suo marchio speciale di speciale disperazione
e tra il vomito dei respinti muove gli ultimi passi
per consegnare alla morte una goccia di splendore
di umanit di verit

per chi ad Aqaba cur la lebbra con uno scettro posticcio
e semin il suo passaggio di gelosie devastatrici e di figli
con improbabili nomi di cantanti di tango
in un vasto programma di eternit

ricorda Signore questi servi disobbedienti
alle leggi del branco
non dimenticare il loro volto
che dopo tanto sbandare
appena giusto che la fortuna li aiuti
come una svista
come un'anomalia
come una distrazione
come un dovere.