Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La cultura siamo noi Noi la parola

La società siamo noi, noi la cultura e la nostra storia:  la cultura non ha comparti né livelli - o c'è o non c'è.

Proteggiamo la cultura popolare, madre di tutte le culture!

Il materiale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fabrizio Cristiano De André Uomo, anarca, poeta

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Io anarchico"

 

L'uomo e il suo pensiero critico

Il poeta della cultura libertaria italiana

"Io anarchico"  

Giù le mani da De André!

Tutte le raccolte di Fabrizio De André

 

άν-άρχή ‒ Il pensiero anarchico: "La libertà degli altri espande la mia all'infinito!" Michail Bakunin

Noi, uomini "liberi" – dal comunismo primitivo allo schiavismo, dal Cristianesimo
primitivo alla "schiavitù di fatto" dei nostri giorni

"Podrán morir las personas, pero jamás sus ideas!" - Che Guevara

 

 

Luciano Russo - Una presentazione  

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

 

"Io anarchico"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Molto prima, durante e dopo gli anni della contestazione del Maggio francese si professa "orgogliosamente anarchico", propagandista onesto che sceglie di non far mai propaganda, refrattario a dogmi politici come religiosi, schivo di parole d'ordine e slogan di piazza.

 

Nella migliore tradizione il suo "essere anarchico" è prima di tutto uno stato mentale piuttosto che appartenenza politica -

 

“Anarchy is a State of Mind!”

 

- e, di conseguenza, un personalissimo percorso di vita in cui la sua natura rivoluzionaria si realizza in una piena libertà di pensiero e di azione.

 

 

Altrimenti neppure le parole di De André avrebbero alcun valore o significato se non venissero validate dalla sua vita, sarebbero banali come tante altre se non fossero l’espressione autentica del suo modo di essere e di pensare: per onestà intellettuale non può essere "di destra", ma è "di sinistra" senza fanatismi, scegliendo un modo tutto suo di far politica sociale, occupandosi e preoccupandosi cioè  più degli altri che di se stesso.

 

Il suo è fondamentalmente un esistenzialismo anarchico, il quale ben si adatta al disagio personale di borghese solitario e malinconico, perché di fronte ad una gestione umana del potere così tirannica, ad una giustizia così ingiusta e ad una storia così contraffatta, lo spirito libero inevitabilmente si isola, si rifugia nella propria "diversità" per difenderla, fa ricorso a tutta la debolezza e l'insufficienza del proprio essere trasformandole, sole vere risorse cui attingere, in strumenti di sopravvivenza.