Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La cultura siamo noi Noi la parola

La società siamo noi, noi la cultura e la nostra storia:  la cultura non ha comparti né livelli - o c'è o non c'è.

Proteggiamo la cultura popolare, madre di tutte le culture!

Il materiale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fabrizio Cristiano De André Uomo, anarca, poeta

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il poeta della cultura libertaria italiana

 

L'uomo e il suo pensiero critico

Il poeta della cultura libertaria italiana

Non una moda ma un modo d'essere

"Io anarchico"

Tutte le raccolte di Fabrizio De André

 

άν-άρχή ‒ Il pensiero anarchico: "La libertà degli altri espande la mia all'infinito!" Michail Bakunin

Noi, uomini "liberi" – dal comunismo primitivo allo schiavismo, dal Cristianesimo
primitivo alla "schiavitù di fatto" dei nostri giorni

"Podrán morir las personas, pero jamás sus ideas!" - Che Guevara

 

 

Luciano Russo - Una presentazione  

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

 

Il poeta della cultura libertaria italiana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dedicando la sua creatività artistica a dar voce a minoranze e diseredati rivendicandone i diritti, De André lascia la sua impronta così diversa sia in ambito culturale che socio-politico.

 

Più che della vita diventa il poeta della realtà e, soprattutto, del "vissuto", a fianco degli esclusi, degli emarginati, degli sbandati, degli oppressi, degli indesiderati, degli umili, degli scherniti, dei diversi, dei perseguitati, degli sconfitti, degli ultimi, degli esclusi di questa società.

 

 

La sua poesia restituisce dignità di esseri umani a puttane e drogati, omo- e transessuali, ubriaconi e barboni, ladri ed assassini, ribelli e suicidi, disertori e dinamitardi, detenuti e migranti, zingari, sardi e indiani pellerossa - in altre parole a tutti i poveri cristi che scontano la propria morte vivendo!

 

Canta un mondo ai margini e fuori di essi, pieno di miseria umana in carne ed ossa, umile ma autentico, crudo ma reale, e, soprattutto, mai squallido: perché squallido è il "potere", chi lo gestisce e come lo fa, squallida è la "politica", squallida la "chiesa".