Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La cultura siamo noi Noi la parola

La società siamo noi, noi la cultura e la nostra storia:  la cultura non ha comparti né livelli - o c'è o non c'è.

Proteggiamo la cultura popolare, madre di tutte le culture!

Il materiale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fabrizio Cristiano De André Uomo, anarca, poeta

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'uomo e il suo pensiero critico (continua)

 

L'uomo e il suo pensiero critico

Per natura e "per passione" coerentemente dall'altra parte - fuori dal coro, fuori dal branco

Il poeta della cultura libertaria italiana

"Io anarchico"

Tutte le raccolte di Fabrizio De André

 

άν-άρχή ‒ Il pensiero anarchico: "La libertà degli altri espande la mia all'infinito!" Michail Bakunin

Noi, uomini "liberi" – dal comunismo primitivo allo schiavismo, dal Cristianesimo
primitivo alla "schiavitù di fatto" dei nostri giorni

"Podrán morir las personas, pero jamás sus ideas!" - Che Guevara

 

 

Luciano Russo - Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

L'uomo ed il suo pensiero critico (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

De André è intellettuale perché usa la sua di ragione, non una ragione "politica" e tanto meno una "di Stato", non segue il "pensiero comune", né il "buonsenso", né giudizi a priori.

 

Osserva senza pre-giudizi, riflette prima di dire, dice quello che pensa, è disposto a lottare per poterlo dire, accusa duramente e senza riguardi, a volte con rabbia e sacrosanto furore, ma evitando sempre personalismi ed attacchi a livello personale.

 

 

Un uomo coerente, coraggioso ed autorevole nelle sue prese di posizione, sceglie quasi sempre direzioni contrarie e se ne va, libero, per la "sua" strada.

 

Lo è perché forte soprattutto della propria fragilità, perché, smarrito, segue la bussola impazzita del disorientamento, perché con un grande atto di amore si permette di lasciarsi vivere fino in fondo la propria inquietudine esistenziale, ricreando nella densità delle parole lo spessore del suo carattere e vivificandole di sentimento libertario.

 

 

De André vive e soffre, mai indifferente, sensibile ed intelligente - sensibile perché sa percepire, intelligente perché sa distinguere.

 

Mai dogmatico, compassionevole ed indignato - compassionevole perché sa riconoscere e, nonostante tutte le miserie proprie e altrui, amare se stesso e come se stesso l'altro, indignato perché sa onestamente portare alla luce e denunciare i pubblici segreti delle tante ipocrisie e delle quotidiane ingiustizie - ma mai cinico, uomo autenticamente interessato all'uomo.