Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La cultura siamo noi Noi la parola

La società siamo noi, noi la cultura e la nostra storia:  la cultura non ha comparti né livelli - o c'è o non c'è.

Proteggiamo la cultura popolare, madre di tutte le culture!

Il materiale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fabrizio Cristiano De André Uomo, anarca, poeta

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'uomo e il suo pensiero critico

 

L'uomo e il suo pensiero critico

Per natura e "per passione" coerentemente dall'altra parte - fuori dal coro, fuori dal branco

Il poeta della cultura libertaria italiana

"Io anarchico" 

Tutte le raccolte di Fabrizio De André

 

άν-άρχή ‒ Il pensiero anarchico: "La libertà degli altri espande la mia all'infinito!" Michail Bakunin

Noi, uomini "liberi" – dal comunismo primitivo allo schiavismo, dal Cristianesimo
primitivo alla "schiavitù di fatto" dei nostri giorni

"Podrán morir las personas, pero jamás sus ideas!" - Che Guevara

 

 

Luciano Russo - Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

 

L'uomo ed il suo pensiero critico

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

De André non possiede verità, ma semina tanti dubbi che in menti aperte mettono radice e crescono...

 

Chiunque dichiari di possedere "la verità" afferma contestualmente di "non cercare", di aver finito di cercare o, al peggio, di non aver mai neppure cominciato a farlo!

 

 

Cosa ancora vorrebbe, potrebbe o dovrebbe "cercare" se non interminabili litanie di corollari tutti a riprova della propria "verità", argomentazioni mai dilemmatiche in un "circuito chiuso" di deduzioni-induzioni dalla e alla verità posseduta - e da cos'altro se no?

 

L'uomo - due cervelli, dieci intelligenze, dodici sensi - con un'innata fame di conoscere senza saperne neppure il perché: chi cerca davvero, con onestà mentale, lo fa perché non ha ancora trovato e neppure mai sicuro di trovare, incurante di certezze e aperto a tutto!