Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

La cultura siamo noi Noi la parola

La società siamo noi, noi la cultura e la nostra storia:  la cultura non ha comparti né livelli - o c'è o non c'è.

Proteggiamo la cultura popolare, madre di tutte le culture!

Il materiale originale in questa pagina, tutto riportato dal web, è © dei rispettivi autori, La Repubblica e gli altri notiziari online, redatto nel portale da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Chiesa senza Cristo

“Non credo alle parole, ma ai comportamenti”: basta con una Chiesa in retro- marcia al Medioevo, che perde ogni giorno quel che resta della sua credibilità!

Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"L’errore filologico e teologico di Papa Benedetto XVI, nel titolo della sua prima Enciclica"

 

"Benedetto XVI ha fallito - I Cattolici perdono la fiducia"

"Democrazia nella Chiesa: il Concilio è stato tradito"

"Ratzinger, colpo di freno sulle 'Chiese Sorelle'"

"Ratzinger: 'Salvezza solo nella Chiesa Cattolica'"

"I mea culpa del Papa erano solo spettacolo"

"La CEI: la pedofilia non ci riguarda"

"Wojtyla, il Papa che ha fallito"

"Voci fuori dal coro commentano l'elezione di Joseph Ratzinger"

"Il Papa riceve il teologo ribelle"

"Il ritorno all'ordine dei fraticelli d'Assisi"

"Onesti in tempi difficili - la sfida degli intellettuali"

"I rapporti tra teologia, fisica e darwinismo secondo Hans Küng"

"Così Ratzinger mi ha tradito"

"Una parola amichevole su Hans Küng"

"L'attacco del 'teologo ribelle' Küng - 'Nella Chiesa c'è una restaurazione'"

"Hans Küng: Papa Ratzinger riporta la Chiesa al Medioevo"

"Quel Papa che pesca nell’acqua di destra"

"Hans Küng: catechismi e Bibbia non bastano più"

"Trent'anni all'indice"

"Ratzinger reciti il mea culpa sulla pedofilia"

"Reazioni alla Lettera Pastorale di Benedetto XVI"

"Hans Küng, celibato dei preti, Chiesa, pedofilia e sessualità"

"Il segreto di Ratzinger"

"Chiesa e pedofilia - l’omertà imposta da Ratzinger"

"Il muro del 'Segreto Pontificio': silenzio obbligatorio sui religiosi pedofili e/o adescatori in confessionale" 

 

Il testo integrale tradotto dal latino dell’ordine impartito per iscritto da Ratzinger e Bertone circa la secretazione dei "Delitti più gravi" del clero

Dagli Archivi Vaticani la definizione del misterioso "Segreto Pontificio"

"L’errore filologico e teologico di Papa Benedetto XVI, nel titolo della sua prima Enciclica"

 

Noi, uomini "liberi" – dal comunismo primitivo allo schiavismo, dal Cristianesimo primitivo alla "schiavitù di fatto" dei nostri giorni

La "grande differenza"

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

 

"L’errore filologico e teologico di Papa Benedetto XVI, nel titolo della sua prima Enciclica"   di Federico La Sala

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Adattato da La Voce di Fiore - 26 gennaio 2006, 2 dicembre 2008, 25 settembre 2009

 

 

 

 

 

L’errore filologico e teologico di Papa Benedetto XVI, nel titolo della sua prima Enciclica

 

di Federico La Sala
 

 

Caro Benedetto XVI,
 

 

corra ai ripari, invece di pensare ai soldi!

 

Faccia come insegna Confucio: provveda a Rettificare i Nomi.

 

 

L’Eu-angélo dell’Amore - "Charitas" - è diventato il van-gélo del "caro-prezzo" e della preziosi-tà "caritas"!

 

E la Parola - "Logos" -  è diventato il marchio capitalistico "logo" di una fabbrica  infernale di affari e di morte!

 

 

Ci illumini: un pò di Chiarezza!

 

Francesco e Chiara di Assisi si sbagliavano?

 

Claritas e Charitas, Charitas e Claritas - o no?!

 

 

Nel nome della "Tradizione", il Nome di Dio è "Amore", non "Mammona":

 

"Deus CARITAS est", Benedetto XVI - 2006.
 

"CHARISSIMI, nolite omni spiritui credere... Deus CHARITAS est" (4. 1-16).

 

 

"DEUS CARITAS EST", il “logo” del Grande Mercante e del Capitalismo.

 

Ma in principio era il "Logos", non il “logo”!

 

 

"Arbeit Macht Frei", "Il lavoro rende liberi”: così sul campo recintato degli esseri umani!

 

"Deus caritas est", "Dio è caro-prezzo": così sul campo recintato della Parola, del Verbo, del Logos!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

"La prima Enciclica di Ratzinger è a pagamento", L’Unità - 26 gennaio 2006.

 


Il "Deus CARITAS est" di Benedetto XVI è un falso filologico, antropologico e teologico.

 

Così Mammona, il dio del "denaro" e del "mercato", inganna Papa Ratzinger e Papa Ratzinger inganna gli esseri umani...
 


"CHARITAS" è Amore, il dono del Dio della Grazia.

 

"CARITAS" è "Mammona", il dio dell'amore a "caro-prezzo"

 


In principio era il "Logos".

 

La carità, dal greco χάρις ("chàris") e χάριτος ("chàritos"): accusativo plurale "χάριτας" (“chàritas”) - dono, grazia!
 

Non dal latino "caritas", da "carus", che, come nell'italiano "caro", ha il doppio senso di "affetto" e "caro-prezzo" e richiama le "carenze", affettive ed economiche, e la "carestia"...

 


Il Papa e con tutta la Gerarchia e tutti teologi delle Accademie Pontificie...


La parola latina "caritas" viene da "carus" e "careo" e significa proprio quello che diciamo anche nel nostro parlare al mercato: "che caro prezzo", “com'è caro”, “è carissimo” o, diversamente e allo stesso modo – in senso affettuoso e familiare, "come sei caro", "mia carissima”, ecc.
 

Qui si tratta invece di “chàrisma, charismatis”: la via, la verità, la vita, la grazia, l'amore disinteressato, il dono senza interesse o "agape", del Dio di Gesù, del suo amore o "agape", che è pieno di "charitas" e ricolma di grazia o "charis".
 
"Chàrisma" viene dalla parola-madre greca "Charis" o "Xaris", da cui "Eu-Charis-Tia"  e non "eu-carestia" (!).

 

La differenza tra "charitas" - grazia, amore disinteressato, dono - e "caritas" - "caro-prezzo", "cosa preziosa", "amore" - è abissale!
 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

È la confusione "spirituale", prima che "filologica", di una Gerarchia senza "Grazie" - in greco Χάριτες e in latino Charites - e di un Papa che scambia la Grazia "Charis" di Dio "Charitas" con il "caro-prezzo" "caritas": una confusione arriva fino al settimo 'cielo' - cioè sotto terra - davanti al dio Mammona o "Caro-Prezzo".

 


Siamo nati dall’
amore o "charitas" o "agape" di due persone o… dalla compra-vendita dei nostri genitori, che sono andatoi al mercato a comprarci "a caro-prezzo" o "caritas"?

 

"Infallibile Presunzione" di Ratzinger, non certo il Wojtyla di "Se mi sbalio, mi corigerete".
 


Ora il senso inaudito della situazione:

 

Sinodo dei Vescovi 2008.

 

L’Anno della Parola di Dio: Amore "Charitas" o Mammona "caritas"?!

 

 

Tutti hanno risposto e approvato: "Caritas"!

 

Fatto sta che la prima Enciclica di Papa Benedetto XVI "Deus caritas est" del 2006 è per Mammona

 

Già allora avevano risposto in cuor loro così.

 

Che dire?

 

La fine del Cattolicesimo Romano!
 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ad ogni modo ecco il testo della Chiesa che conservava ancora memoria dell’Eu-Angélo o Buona-Notizia, non "vangelo"… che fa sentire solo il freddo del mercimonio e del "caro-prezzo" "caritas":

 

"Charissimi, nolite omni spiritui credere... Deus charitas est" (1 Gv.: 4. 1-16),   Biblia Sacra: Epistola Joannis Prima - Vulgatae Editionis Sixti V et Clementis VIII.
 

Siamo figli di Dio "Charitas", non di Mammona "caritas", né di “Mammasantissima”.

 

E la Legge dei nostri "Padri" e delle nostre "Madri" Costituenti – la Costituzione dell’Italia – ha le radici nell’Evangelo eterno.

 

 

In principio era il Logos "Charitas".

 

Come ben-sapevano Gioacchino da Fiore, Francesco e Chiara d’Assisi e Dante Alighieri, benché non sapesse nulla di greco...

 

Ma il grande discendente dei Mercanti del Tempio si sarà ripetuto in cor suo e riscritto davanti ai suoi occhi il vecchio slogan: "Con questo 'logo' vincerai"!

 

Ha preso "carta e penna" e, sul campo recintato della Parola, ha cancellato la vecchia "dicitura" e ri-scritto la "nuova":

 

"Deus caritas est", Libreria Editrice Vaticana - Città del Vaticano, 2006.
 


Nell’Anniversario del
"Giorno della Memoria", il 27 gennaio, non poteva essere "lanciato" nel "mondo" un "Logo" più "bello" e più "accattivante": molto "ac-captivante"!

Il Faraone - travestito da Mosè, da Elia e da Gesù - ha dato inizio alla "campagna" sì del Terzo Millennio, ma a.C. - "avanti Cristo"!
 

 

(Continua)