Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

La cultura siamo noi Noi la parola

La società siamo noi, noi la cultura e la nostra storia:  la cultura non ha comparti né livelli - o c'è o non c'è.

Proteggiamo la cultura popolare, madre di tutte le culture!

Il materiale originale in questa pagina, tutto riportato dal web, è © dei rispettivi autori, La Repubblica e gli altri notiziari online, redatto nel portale da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Chiesa senza Cristo

“Non credo alle parole, ma ai comportamenti”: basta con una Chiesa in retro- marcia al Medioevo, che perde ogni giorno quel che resta della sua credibilità!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Voci fuori dal coro commentano l'elezione di Joseph Ratzinger" 

 

"Benedetto XVI ha fallito - I Cattolici perdono la fiducia"

"Democrazia nella Chiesa: il Concilio è stato tradito"

"Ratzinger, colpo di freno sulle 'Chiese Sorelle'"

"Ratzinger: 'Salvezza solo nella Chiesa Cattolica'"

"I mea culpa del Papa erano solo spettacolo"

"La CEI: la pedofilia non ci riguarda"

"Wojtyla, il Papa che ha fallito"

"Voci fuori dal coro commentano l'elezione di Joseph Ratzinger"

"Il Papa riceve il teologo ribelle"

"Il ritorno all'ordine dei fraticelli d'Assisi"

"Onesti in tempi difficili - la sfida degli intellettuali"

"I rapporti tra teologia, fisica e darwinismo secondo Hans Küng"

"Così Ratzinger mi ha tradito"

"Una parola amichevole su Hans Küng"

"L'attacco del 'teologo ribelle' Küng - 'Nella Chiesa c'è una restaurazione'"

"Hans Küng: Papa Ratzinger riporta la Chiesa al Medioevo"

"Quel Papa che pesca nell’acqua di destra"

"Hans Küng: catechismi e Bibbia non bastano più"

"Trent'anni all'indice"

"Ratzinger reciti il mea culpa sulla pedofilia"

"Reazioni alla Lettera Pastorale di Benedetto XVI"

"Hans Küng, celibato dei preti, Chiesa, pedofilia e sessualità"

"Il segreto di Ratzinger"

"Chiesa e pedofilia - l’omertà imposta da Ratzinger"

"Il muro del 'Segreto Pontificio': silenzio obbligatorio sui religiosi pedofili e/o adescatori in confessionale" 

 

Il testo integrale tradotto dal latino dell’ordine impartito per iscritto da Ratzinger e Bertone circa la secretazione dei "Delitti più gravi" del clero

Dagli Archivi Vaticani la definizione del misterioso "Segreto Pontificio"

"L’errore filologico e teologico di Papa Benedetto XVI, nel titolo della sua prima Enciclica"

 

Noi, uomini "liberi" – dal comunismo primitivo allo schiavismo, dal Cristianesimo primitivo alla "schiavitù di fatto" dei nostri giorni

La "grande differenza"

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

Il neo-eletto Benedetto XVI si affaccia a ricevere il giubilo di Piazza San Pietro: "Il peggio del peggio" uno dei non proprio incoraggianti, purtroppo realistici e malauguratamente "profetici" commenti fuori campo...

 

 

"Voci fuori dal coro commentano l'elezione di Joseph Ratzinger"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da La Repubblica - 19 aprile 2005

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Voci fuori dal coro commentano l'elezione di Joseph Ratzinger

 

 

Küng: "Profonda delusione, speriamo in una linea moderata"
 

Le perplessità dei riformisti
 

I timori dei gay e delle donne
 

Le comunità omosessuali: "È la Chiesa più sorda e retriva"
 

Don Gallo: "È il mio Papa, ma io resto dalla parte degli ultimi"



Una delusione "per tutti coloro che sono orientati verso le riforme", come commenta il teologo cattolico dissidente Hans Küng, un motivo di "preoccupazione" per la Comunità Gay Italiana e Internazionale, di "dubbi" per le Chiese Protestanti e Ortodosse del Belgio.

 

 

Di fronte all'elezione di Joseph Ratzinger si levano voci fuori dal coro, pur con il beneficio dell'attesa di segnali che smentiscano i timori di una minaccia alla laicità dello Stato da parte di una Chiesa conservatrice, quale si è confermata con questa scelta, che non lascia presagire grandi cambiamenti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I progressisti

 

Le maggiori perplessità sono quelle manifestate da chi sperava in un Papa riformista.

 

Parla di "profonda delusione" Hans Küng, uno dei teologi più controversi del pensiero cattolico contemporaneo (nel 1974 il Vaticano lo costrinse a cedere la Cattedra di Teologo Cattolico Ufficiale), secondo il quale la scelta del nome Benedetto XVI "lascia comunque sperare che Ratzinger decida di seguire una linea d'azione moderata".

 

E come il Presidente degli Stati Uniti, "così anche il nuovo Papa, che si trova di fronte a una montagna di impegni ancora da evadere, dovrebbe avere cento giorni per imparare".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli omosessuali

 

Fra i timori più marcati, quelli provenienti dalle Comunità Omosessuali.

 

Secondo Aurelio Mancuso, Segretario Nazionale di Arcigay, l'elezione di Ratzinger è la vittoria "della Chiesa più retriva, contraria a qualsiasi apertura in materia di morale sessuale, assolutamente sorda rispetto all'evoluzione dei tempi e della società".

 

E Franco Grillini, deputato DS, recupera uno slogan di borrelliana memoria: "Resistere, resistere, resistere".

 

"Preoccupazione" è stata espressa anche da una delle maggiori associazioni di gay e lesbiche degli Stati Uniti, la "Parents, Families and Friends of Lesbiasns and Gays": una scelta che "non rappresenta motivo di speranza per il futuro".

 

"La scelta peggiore per noi", dichiara il Collettivo dei gay e delle lesbiche spagnoli.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le donne

 

"Il peggio del peggio".

Così una delle leader dell'Associazione della Federazione delle Femministe Internazionali, Francesca Koch - che precisa di parlare a titolo personale - commenta l'elezione di Ratzinger.

 

Una Dottrina, quella del nuovo Pontefice, che "nega i diritti delle donne e costringe a una morale sessuale priva di ogni rispetto della persona.

 

Sarebbe stato meglio Martini che predica un ritorno al Vangelo, invece che una dottrina assolutistica".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il prete degli ultimi

 

"È il mio Papa - dice - ma io continuerò a gridare dalla parte degli ultimi, sarò vicino ai poveri e a coloro che cercano una teologia che vive con la gente": così don Gallo, il prete di strada e degli emarginati, fondatore della Comunità di San Benedetto al Porto di Genova, accoglie la nomina di Ratzinger.

 

La rapidità con cui il Conclave si è chiuso, secondo il sacerdote sarebbe una "conferma di questa Chiesa Gerarchica".

 

"Ma la Chiesa - aggiunge - è comunione, non gerarchia.

 

Come prete cattolico accetto la disciplina canonica.

 

Benedetto XVI è il legittimo successore di Pietro a cui si deve ascolto, ubbidienza; è il Vescovo di Roma.

 

Tuttavia è chiaro che io vorrò continuare nella mia piccola strada di presbitero, di Cristiano".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Protestanti e Ortodossi

 

"Dubbi" e "timori" sul futuro del dibattito ecunemico da parte delle Chiese Protestanti e Ortodosse del Belgio.

 

"Siamo dubbiosi sulla capacità del nuovo Papa di approfondire il dibattito ecumenico" ha dichiarato all'agenzia Belga Michel Dandoy, portavoce della Chiesa Protestante del Belgio, aggiungendo che "senza dubbio non è il Papa che i Cattolici progressisti sognavano".

 

Per la Chiesa Ortodossa del Belgio, il Vescovo Athenagoras de Sinope ha commentato:

 

"Speravamo l'arrivo di un Papa che favorisse l'apertura nei confronti di altri Cristiani.

 

Dobbiamo constatare che a questo proposito non si tratta di un'elezione felice".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Atei e agnostici

 

L'Unione Atei e Agnostici Razionalisti evidenzia "la volontà di portare la Chiesa in una posizione ancora più retrograda.

 

La Chiesa può fare quello che vuole, ma non deve toccare lo Stato Laico".