Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

La cultura siamo noi Noi la parola

La società siamo noi, noi la cultura e la nostra storia:  la cultura non ha comparti né livelli - o c'è o non c'è.

Proteggiamo la cultura popolare, madre di tutte le culture!

Il materiale originale in questa pagina è © Bruno Panunzi e De Luca Editore: la Redazione ringrazia l'autore e l'editore   per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale [Struttura della Redazione]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Bracciano e gli Orsini – Tramonto di un progetto feudale"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Gentil Virginio Orsini: vita e imprese di un feudatario romano" (continua)

[Settima e ultima parte]

 

Da "Il '400 a Roma e nel Lazio"

"Gentil Virginio Orsini: vita e imprese di un feudatario romano"

[Prima parte]

[Seconda parte]

[Terza parte]

[Quarta parte]

[Quinta parte]

[Sesta parte]

[Settima e ultima parte]

 

Welcome to our portal! "Bracciano's Castle – Impregnable fortress, magnificent palace"

"La breve 'stagione' di Juan Borgia tra Bracciano, Ostia e Roma"

"Il 'Palazzo fuori della Porta', municipio di Bracciano"

"Il cannocchiale conteso"

"Girolamo Gastaldi: il cardinale contro la peste"

 

Bruno Panunzi Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

"Gentil Virginio Orsini: vita e imprese di un feudatario romano" di Bruno Panunzi (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Settima e ultima parte]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ricorda il Commynes

 

"il re andò a Nepi e poi nelle terre del Signor Virginio Orsini, consegnate tutte dal signor Carlo, figlio di lui, che diceva aver ricevuto quest'ordine dal padre.

 

Questo era al soldo del re Alfonso, ma diceva che, fintanto che don Ferrante era in Roma, o nelle terre della chiesa, gli avrebbe fatto compagnia e non oltre. Così i signori capitani vivono in Italia sempre in maneggi coi nemici e in gran timore di trovarsi tra i più deboli.

 

Il re fu ricevuto in Bracciano, principale piazza del suddetto signor Virginio, bella, forte e ben fornita di viveri.

 

Sentii poi che il re faceva gran conto di questa e dell'accoglienza che gli era stata fatta".
 


Il 19 dicembre Carlo VIII entrò in Bracciano, dove soggiornò vari giorni, ed il 24 l'esercito napoletano abbandonò il Lazio e si ritirò verso Napoli da cui era fuggito re Alfonso dopo aver abdicato in favore del figlio Ferrandino.

 

Gentil Virginio e gli altri capitani, constatata l'impossibilità di difendere Capua, ultima piazzaforte rimasta in loro mano, mandarono a chiedere a Carlo VIII dei salvacondotti per rientrare nelle loro terre.

 

A Nola, feudo di Niccolò di Pitigliano, furono arrestati da un capitano francese che li trasferì prigionieri presso il re di Francia, già entrato in Napoli, con la promessa del re di liberarli ad Asti quando avesse deciso di rientrare in Patria.

 

Durante la battaglia di Fornovo, i due Orsini riuscirono a liberarsi, e Gentil Virginio raggiunse Bracciano, dove si recò Piero de' Medici a chiedere il suo aiuto per riconquistare Firenze, ma le difficoltà dell'impresa dopo alcuni preparativi indussero l'Orsini a rinunciare.

 

Pochi giorni dopo la lega antifrancese che si era formata nel frattempo, inviò il vescovo di Conversano a proporgli di ritornare a combattere per gli Aragona, ma ebbe un deciso rifiuto, motivato in gran parte dall'invasione delle contee della Marsica da parte dei Colonna, ora al soldo di Napoli, con il tacito consenso di re Ferrandino.

 

La speranza di recuperate le contee e la fiducia nella potenza francese decisero invece Gentil Virginio ad entrare a servizio della Francia insieme al figlio Giangiordano ed al genero Bartolomeo d'Alviano, trovandosi quasi subito coinvolto nella disfatta francese.

 

Catturati dopo la capitolazione di Atella malgrado la promessa di un salvacondotto, Gentil Virginio ed il figlio furono rinchiusi nella prigione di Castel dell'Ovo, mentre Bartolomeo d'Alviano si rifugiava a Bracciano.
 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Approfittando delle difficoltà degli Orsini, Alessandro VI il 2 giugno 1496 pronunziò contro di loro una solennissima scomunica ed ordinò al figlio Juan Borgia, duca di Gandìa, capitano generale della chiesa, l'invasione delle loro terre.

 

Il duca di Gandìa, insieme a Guidobaldo da Montefeltro e Fabrizio Colonna, dopo aver occupato una serie di paesi raggiunse Bracciano ed iniziò l'assedio del castello difeso da Bartolomea Orsini, figlia di Gentil Virginio, e da suo marito Bartolomeo d'Alviano.

 

Il lungo assedio di Bracciano si colorì di episodi eroicomici e dette tempo agli Orsini di raccogliere uomini ed armi con cui affrontarono e sconfissero l'esercito pontificio a Soriano il 24 gennaio 1497.

 

La gravità delle perdite subite dal papa e l'intervento di Venezia a favore degli Orsini, fecero iniziare delle trattative di pace che si conclusero il 5 febbraio con la mediazione del Cardinale Sanseverino.

 

Gli Orsini pagarono alla Camera Apostolica 50 mila ducati e le cedettero per un certo periodo Cerveteri ed Anguillara, ricevendo in cambio dal papa il completo perdono.
 


Alcuni giorni prima era giunta a Roma la notizia "como el signor Virginio Orsini era morto a Napoli in Castel dell'Uovo de cataro, et multi judicorono fosse manchato de morte violenta".

 

L'odio di Alessandro VI per il più potente dei baroni romani, e quello degli Aragona per il partigiano della Francia, era stato causa più che sufficiente per la sua eliminazione.

 

Il corpo di Gentil Virginio fu sepolto provvisoriamente nella chiesa di S. Maria alle grotte fuori Napoli, ed il 22 aprile trasferito per mare a Roma, dove rimase una sola notte nella basilica di S. Paolo fuori le Mura.

 

Da Roma, i figli Giangiordano e Carlo lo fecero trasportare a Bracciano forse nella tomba di famiglia della chiesa di S. Maria Novella, fondata dal Cardinale Giordano Orsini, e due mesi più tardi a Cerveteri, per la sepoltura definitiva.