Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

La cultura siamo noi Noi l'immagine

La società siamo noi, noi la cultura e la nostra storia:  la cultura non ha comparti né livelli - o c'è o non c'è.

Proteggiamo la cultura popolare, madre di tutte le culture!

Le immagini in questa pagina sono © Giuseppe Curatolo: la Redazione ringrazia l'autore per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"La Chiesa del Santissimo Salvatore a Bracciano Nuova, Roma"

di Giuseppe Curatolo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Ecco, il Signore passò"

Il seme

Polittico

La forma di una chiesa

Luoghi – l’architettura esperienziale

Il Luogo dei Luoghi

La Casa delle Trasformazioni

La Casa del Padre

La Via Eucaristica

La Via Ecclesiae

Il Luogo delle Due Vie

La Diocesi di Civita Castellana

Invito

 

Pagina di origine

 

Giuseppe Curatolo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

"Ecco, il Signore passò"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli fu detto:

"Esci e fermati sul monte alla presenza del Signore".

Ecco, il Signore passò.

 

Ci fu un vento impetuoso e gagliardo da spaccare i monti e spezzare le rocce davanti al Signore, ma il Signore non era nel vento.

Dopo il vento ci fu un terremoto, ma il Signore non era nel terremoto.

 

12 Dopo il terremoto ci fu un fuoco, ma il Signore non era nel fuoco.

Dopo il fuoco ci fu il mormorio di un vento leggero.

 

13 Come l'udì, Elia si coprì il volto con il mantello, uscì e si fermò all'ingresso della caverna.

Ed ecco, sentì una voce che gli diceva:

"Che fai qui, Elia?".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il seme

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fu gettato nell’estate del 1963 a Pisa.

 

 

Il luogo fu la Chiesa di San Francesco a Ripa, alta, ombrosa e fresca, sognante e sereno rifugio nella calura meridiana.

 

Là conobbi le forme di quel Dio che si cura dell’uomo di carne, lo ristora, gli offre il fresco delle pietre ed il calore dei mattoni e del legno.

 

 

Non furono parole ispirate a toccarmi l’anima ma il fresco levigato delle pietre chiare, l’odore medicamentoso del legno vecchio, i raggi di luce che dalle alte bifore svelavano il pulviscolo, la penombra delle alte capriate.

 

Avevo 9 anni, il resto venne da sé.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Polittico

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un Dio che danza con l’Uomo

 

 

 

 

Un vento che solleva e confonde

 

 

 

 

 

 

 

Rotazione, forza e controllo

 

 

 

 

Equilibrio, gioco, confusione

 

 

 

 

 

 

 

Un linguaggio universale

 

 

Estasi, danza, equilibrio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La forma di una chiesa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

È il frutto maturo di un seme gettato chissà quando: è un frutto nato da un seme che un giorno ha perforato la pelle, il retaggio culturale, il pregiudizio, ha attecchito e si è nutrito della carne e delle emozioni del bambino e poi dell’uomo.

 

La chiesa di pietre “prende il sapore” della persona che ne ha tracciato il disegno, così come un buon vino racconta il terreno su cui è cresciuta la vite.

 

Ogni uomo viene formato continuamente nel carattere e nelle attitudini dallo spazio fisico in cui vive, parole ed immagini codificate salgono alla coscienza, ma nel profondo la vita entra in noi attraverso i sensi sfuggendo ai filtri della cultura.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Luoghi – l’architettura esperienziale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Luogo è uno spazio fisico dove è accaduta, accade o accadrà una determinata azione.

 

Il Luogo è incarnazione dell’immateriale, testimonianza delle cose allo spirito.

 

Il Luogo è omelia silenziosa: memoria, attesa e presagio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Architettura esperienziale - La Casa del Padre: il Logo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Luogo dei Luoghi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Luogo/luoghi – la chiesa è il Luogo dei Luoghi, la sua matrice fondamentale è lo Spirito, il soffio, il turbine.

 

Con questa matrice entrano in dialogo i luoghi, le case ove dimora e si manifesta il linguaggio e dove trova casa la liturgia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Casa delle Trasformazioni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Casa delle Trasformazioni è il luogo dei luoghi, l’insieme della chiesa: vuole far memoria ed attesa della danza di Dio con l’Uomo, estasi e gioia, turbine, confusione e trasformazione, ma anche equilibrio e controllo nel massimo della confusione, come accade con la trottola che ha il massimo dell’equilibrio nel momento della massima confusione.

 

L’esperienza fisica è quella di due archi che ruotano uno contro l’altro lasciando al centro lo spazio per l’ assemblea, che si riunisce in preghiera.

 

Come la trottola, la fede esiste fintanto che è danza, movimento, a volte anche estasi e salutare confusione.

 

L’Assemblea riunita è testimone e centro del turbine, occhio del ciclone.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Casa del Padre

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Casa del Padre è il luogo dell’accoglienza, è scendere in strada, accogliere ed introdurre a sé, la colonna a metà della scala, nella sua anomalia, è il sogno di Giacobbe, ma anche gesto di benvenuto fatto materia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Via Eucaristica

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lo spazio curvo della fede, fatto per vivere, sperimentare, ricordare, attendere la scoperta del nostro essere figli nel grembo del Signore; questa scoperta ha un percorso curvo, la meta non è in vista fin dall’inizio, ma si palesa solo camminando.

 

Nell’esperienza del mondo è il percorrere la curva di una galleria verso la luce.

 

La Via Eucaristica nasce sulla strada e, con un segno forte, teso e curvo conduce alla Cappellina della Custodia, si abbassa e si comprime nel tratto centrale (dove incontra la Cappellina della Riconciliazione) e di nuovo si espande proseguendo verso la Custodia eucaristica.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Via Ecclesiae

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il braccio inverso della coppia di forze che genera il movimento, nasce con l’accoglienza ed il lavacro, tocca il suo punto più alto nella zona presbiteriale/sacramentale, si riabbassa entrando nell’area delle opere parrocchiali.

 

La Via Ecclesiae appartiene allo stesso piano geometrico su cui giace la Via Eucaristica, ma gli è simmetrica ed inversa.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Luogo delle Due Vie

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A loro volta la Via Eucaristica e la Via Ecclesiae, viste insieme, sono il Luogo delle Due Vie, luogo della coincidentia oppositorum, il luogo dell’et-et.

 

Pur appartenendo allo stesso piano, la presenza della curvatura fa sì che ove la Via Eucaristica si abbassa a marcare la presenza del confessionale prima di salire verso la Custodia, la Via Ecclesiale si innalza al suo massimo a mostrare il Crocefisso ed indicare la Mensa centro dell’area presbiteriale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Diocesi di Civita Castellana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

S. E. Mons. Divo Zadi è Vescovo della Diocesi dal 10 marzo 1989.

La sede vescovile è direttamente soggetta alla Santa Sede.

 

La Diocesi ha cura di 220.862 abitanti su un territorio di 1.552 kmq.

 

76 le parrocchie che la compongono, tra cui le quattro di Bracciano, Roma:

S. Lorenzo Martire, S. Maria Madre della Chiesa, S. Stefano Protomartire e

Ss. Salvatore.

 

Per la Diocesi lavorano 114 sacerdoti secolari, 70 sacerdoti regolari e 12 diaconi permanenti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Invito

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Professionisti della creatività?

Spediteci un vostro lavoro - testi, disegni o foto digitalizzati - con una mail a redazione@tusciaromana.info.

Lo pubblicheremo con i vostri nomi, studio e Comune!