Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La cultura siamo noi Noi l'immagine

La società siamo noi, noi la cultura e la nostra storia:  la cultura non ha comparti né livelli - o c'è o non c'è.

Proteggiamo la cultura popolare, madre di tutte le culture!

"No comments!" – Dal web senza commenti

I video in questa pagina sono © RAI Fiction, Marina Militare Italiana e Corriere della Sera - se non altri - ed il materiale è raccolto, redatto ed editato da Luciano Russo, classe 1946, arruolato per obblighi di leva nella Marina Militare Italiana nel 1964 con la matricola 46RO8014, ferma biennale dal 1965 al 1967, Secondo Capo NP in congedo, iscritto all'ANMI - Associazione Nazionale Marinai d'Italia, Sezione di Bracciano, Roma, "Una volta marinaio, marinaio per sempre!"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Figli di un altro dio?

La nostra “comune umanità” di Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Marina Militare Italiana

 

Il naufragio culturale dell'Europa
"Siamo tutti migranti!"

"Siamo tutti Africani!"

"The Migrants' Files"

La legge del mare è una, più forte di qualsiasi legge di terra

La Marina Militare Italiana
L'Operazione "Mare Nostrum"

I Pattugliatori d'altura o "Stelle di mare"

Il Tenente di Vascello Catia Pellegrino

Purtroppo però dietro le quinte accade anche questo...

 

 

Luciano Russo - Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

Lo stemma della Marina Militare, uno scudo diviso in quarti, ciascuno con il blasone di una Repubblica Marinara (Ragusa esclusa), inserito al centro della Bandiera Italiana, ne costituisce il vessillo: al primo quarto la Marineria Veneta, leone alato di San Marco "da guerra" (con spada e vangelo chiuso) su fondo rosso, al secondo la Marineria Genovese, croce rossa su bianco, al terzo la Marineria Amalfitana, croce biforcata ottagona bianca su fondo azzurro, e al quarto quarto la Marineria Pisana, croce pisana bianca su fondo rosso, lo scudo contornato da cavo torticcio d'oro e sormontato da corona decorata con ancora e rostri romani, cimata di quattro torri a merlatura guelfa (solo tre delle quali visibili) e con due prore romane rostrate laterali, tutto in oro, già emblema questo conferito dal Senato Romano ai comandanti vincitori di battaglie navali.

Proposto nel 1939 e approvato nel 1941, lo stemma rimarrà inutilizzato fino al 1947, quando verrà istituito epurato però dei simboli sia sabaudi che fascisti: l'attuale è risultato di perfezionamenti storici ai simboli apportati nel 2012.

 

 

La Marina Militare Italiana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Marina Militare Italiana nasce nel 1860 con l'unificazione di Marina Sarda, Marina Borbonica, Marina Toscana e Marina Pontificia, poi, con la proclamazione del Regno d'Italia, "Regia Marina" dal 1861.

 

 

Sconfitta a Lissa dalla K.u.K Kriegsmarine, la Marina da Guerra dell'Impero Austriaco, nella Battaglia di Vis o Lissa nel 1866, durante la Terza Guerra di Indipendenza Italiana, ma nell'ambito della Guerra Austro-Prussiana.

 

Impegnata nella Guerra Italo-Turca e nella Prima Guerra Mondiale contro la Flotta Austro-Ungarica, di nuovo sconfitta dalla Royal Navy Britannica nella Battaglia del Mediterraneo.
 


Proclamata la Repubblica Italiana, nel
1946 "Marina Militare Italiana", dal 1949 nella NATO, il Trattato Nord Atlantico, ma realmente operativa solo nel 1951, oggi in continuo "dimagrimento".