Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La cultura siamo noi Noi l'immagine

La società siamo noi, noi la cultura e la nostra storia:  la cultura non ha comparti né livelli - o c'è o non c'è.

Proteggiamo la cultura popolare, madre di tutte le culture!

"No comments!" – Dal web senza commenti

I video in questa pagina sono © RAI Fiction, Marina Militare Italiana e Corriere della Sera - se non altri - ed il materiale è raccolto, redatto ed editato da Luciano Russo, classe 1946, arruolato per obblighi di leva nella Marina Militare Italiana nel 1964 con la matricola 46RO8014, ferma biennale dal 1965 al 1967, Secondo Capo NP in congedo, iscritto all'ANMI - Associazione Nazionale Marinai d'Italia, Sezione di Bracciano, Roma, "Una volta marinaio, marinaio per sempre!"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Figli di un altro dio?

La nostra “comune umanità” di Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La legge del mare è una, più forte di qualsiasi legge di terra

La tutela dei diritti dei migranti in mare

 

Il naufragio culturale dell'Europa
"Siamo tutti migranti!"

"Siamo tutti Africani!"

"The Migrants' Files"

La legge del mare è una, più forte di qualsiasi legge di terra

La tutela dei diritti dei migranti in mare

La Marina Militare Italiana

I Pattugliatori d'altura o "Stelle di mare"

Il Tenente di Vascello Catia Pellegrino

Purtroppo però dietro le quinte accade anche questo...

 

 

Luciano Russo - Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

Scena di ordinario strazio per i soccorritori dei pochi superstiti dopo l'ennesimo naufragio di uno dei "barconi della morte": un padre cerca disperatamente di sopravvivere stringendo ancora a sé il corpicino del figlioletto, purtroppo già annegato e ormai esanime.

 

 

La legge del mare è una, più forte di qualsiasi legge di terra

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Noi, gente di mare, conosciamo una sola legge, quella del sacrosanto principio che la vita in pericolo vada salvata, anche mettendo in gioco la propria: proprio il mare è l'origine di tutta la vita sul Pianeta, ci unisce e ci rende tutti sorelle e fratelli, nella vita come nella morte, culla o bara condivisa che sia.

 

Una persona che cerchi di raggiungere terra via mare e che nel fare questo rischi di affogare, per noi non potrà mai in alcun modo essere etichettata da nessuna "autorità" quale clandestino, profugo o rifugiato, e nessun percatore o marinaio, civile o militare, gli chiederà mai di "identificarsi" per salvarla.

 

 

Non appartiene alla natura umana farlo e non c'è legge che lo possa imporre, semplicemente perché in tal caso sarebbe una legge "contro natura", in altre parole una legge illecita da non rispettare.

 

Ad Ulisse che naufraga su un’isola o a Enea che sbarca sulle nostre coste, dando di fatto origine a quella grande storia di cui noi oggi fin troppo e senza merito ci vantiamo, mica gli si chiedono i documenti né gli si spara addosso né li si priva della libertà internandoli in "Centri di identificazione": non ci sarebbe Odissea e l'Eneide non verrebbe scritta - due tra i più importanti inni alla cultura dell'accoglienza, dell'ospitalità e della tolleranza...