Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La cultura siamo noi Noi l'immagine

La società siamo noi, noi la cultura e la nostra storia:  la cultura non ha comparti né livelli - o c'è o non c'è.

Proteggiamo la cultura popolare, madre di tutte le culture!

"No comments!" – Dal web senza commenti

I video in questa pagina sono © RAI Fiction, Marina Militare Italiana e Corriere della Sera - se non altri - ed il materiale è raccolto, redatto ed editato da Luciano Russo, classe 1946, arruolato per obblighi di leva nella Marina Militare Italiana nel 1964 con la matricola 46RO8014, ferma biennale dal 1965 al 1967, Secondo Capo NP in congedo, iscritto all'ANMI - Associazione Nazionale Marinai d'Italia, Sezione di Bracciano, Roma, "Una volta marinaio, marinaio per sempre!"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Figli di un altro dio?

La nostra “comune umanità” di Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Siamo tutti Africani!"

 

Il naufragio culturale dell'Europa
"Siamo tutti migranti!"

"Siamo tutti Africani!"
L'avventura umana è tutta un esodo - da sempre

"The Migrants' Files"

La legge del mare è una, più forte di qualsiasi legge di terra

La Marina Militare Italiana

I Pattugliatori d'altura o "Stelle di mare"

Il Tenente di Vascello Catia Pellegrino

Purtroppo però dietro le quinte accade anche questo...

 

 

Luciano Russo - Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

 

“Siamo tutti Africani!”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da sempre attraverso il fenomeno della migrazione gli esseri viventi si diffondono nell'ambiente naturale del Pianeta, così nel caso del genere Homo, un primate della famiglia Hominidae, il quale si espande progressivamente sull'intera superficie terrestre e la cui unica specie oggi vivente è l'Homo Sapiens.

 

La comparsa della specie Homo Sapiens Linnaeus, 1758, ha documentatamente luogo nell'Africa Orientale e la sua diversificazione avviene a partire dal Paleolitico Medio, circa 200 mila anni fa, più precisamente lungo la valle del fiume Omo in Etiopia e sicuramente 195 mila anni fa, con una tolleranza di datazione di appena ± 5 mila anni.

 

 

È quindi dall'Africa che la prima grande migrazione umana ha inizio almeno circa 85-65 mila anni fa, in coincidenza con una drastica riduzione della popolazione le cui cause sono tuttora da definire, molto probabilmente di origine climatica.

 

Parte della specie si avvia dunque lungo una prima rotta migratoria che utilizza un unico cosiddetto corridoio medio-orientale, da cui tre distinti percorsi si differenziano rispettivamente verso Occidente, Settentrione ed Oriente, i quali porteranno nel tempo alla colonizzazione dell'intero Pianeta.

 

 

Oggi da mappe chiare ed attendibili del nostro passato collettivo sappiamo per certo che molto semplicemente tutti noi esseri umani abbiamo un'origine africana.

Ogni pseudo-polemica su
evoluzione e selezione naturale non può ormai che risultare viziosa e faziosa, quindi l'ultimo appiglio per chi vi si opponga rimane piuttosto l'accuratezza della datazione.

 

 

Ma qualsivoglia la tecnica di datazione della nostra storia comune ovvero della nostra comune "umanità", le eventuali differenze di valutazione dell'età di fossili non possono far negare il processo evolutivo di selezione naturale in sé.

 

L'evoluzione di tutti gli esseri viventi, noi umani inclusi, non richiede alcuna spiegazione soprannaturale, né divinità né miti di una creazione: la nostra evoluzione rimane entro i confini del mondo naturale ed inizia in un luogo ben preciso:

 

 

“Siamo tutti Africani!”