Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

La cultura siamo noi Noi l'immagine

La società siamo noi, noi la cultura e la nostra storia:  la cultura non ha comparti né livelli - o c'è o non c'è.

Proteggiamo la cultura popolare, madre di tutte le culture!

Il materiale originale in questa pagina è © Luciano Russo: la Redazione ringrazia l'autore per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Cadono i miti del 'classicismo': l'antichità era un'esplosione e una festa di colori" di Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Bugie bianche" La denuncia di una delle più grandi bufale della storia dell'arte

 

"Bugie bianche" La denuncia di una delle più grandi bufale della storia dell'arte

Le sculture dell'antichità classica tutt'altro che bianche!

Quel fantastico mondo...

Una ragazza di nome Phrasikleia morta troppo giovane

La mostra

I falsi ideali

Altri esempi storici di policromia La nave reale Vasa

Alcuni articoli della Stampa Svedese sugli argomenti trattati in questa pagina

 

 

Luciano Russo - Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

L'incredibile realismo della scultura ridipinta dell'Arciere Trojano, detto "Paris" o Paride, proveniente da un fregio frontonale del Tempio di Aphaia - la dea "non oscura" - sull'Isola greca di Egina, il cui originale è databile al V sec aC.

 

(Foto di archivio)

 

 

"Bugie bianche" La denuncia di una delle più grandi bufale della storia dell'arte

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fa tappa al "Medelhavsmuseet" - il Museo del Mediterraneo di Stoccolma - dal 9 ottobre 2010 al 30 gennaio 2011 una mostra a dir poco affascinante: è stata già ospitata fra gli altri dal Pergamonmuseum di Berlino e dal J. Paul Getty Museum di Los Angeles ed è per la prima volta in Svezia.

 

 

 

L'originale dell'Arciere Trojano, insieme ad altre figure appartenenti ai due frontoni est ed ovest del Tempio di Aphaia ritrovato nel 1811 e in pratica trafugato e spedito via mare già due anni dopo al futuro Re Luigi I di Bavaria per la sua Glyptothek.

 

Scavi sistematici del sito vengono condotti solo agli inizi del XX secolo e tra il 1966 e il 1988: restituscono i resti del primo tempio.

 

(Foto di archivio)

 

 

È come "riscoprire" l'antichità o scoprire "un'altra Antichità" Classica, togliersi dagli occhi la cataratta dell'indottrinamento scolastico di un falso "classicismo", inventato e filtrato a posteriori dall'interpretazione irrimediabilmente deformante dei Rinascimentali prima e dei Neo-classicisti poi ed altri a seguire, ma questi con ben altri fini, non sempre lodevoli, fino alle aberrazioni dell'estetismo nazista del "superuomo", passando attraverso le velleitarie riproposte "imperiali"(ste) del Fascismo.
 

 

Definire il "bianco" dell'Antichità Classica è equiparabile al definire "cultura di morte" o focalizzata sulla morte la Civiltà Etrusca - ed, attenzione, è stato fatto e lo si fa tutt'oggi! - solo perché quello che si è conservato numeroso arrivando quasi intatto fino a noi sono le loro Necropoli o "città dei morti"…

 

Questo il ragionamento, diciamo, "logico".