Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

La cultura siamo noi Noi i bambini

La società siamo noi, noi la cultura e la nostra storia:  la cultura non ha comparti né livelli - o c'è o non c'è.

Proteggiamo la cultura popolare, madre di tutte le culture!

Le immagini in questa pagina sono © dei rispettivi proprietari ed editori

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Le avventure di Pinocchio" – Il libro di Collodi online

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Le avventure di Pinocchio"

La trama del racconto

La valenza dell'opera

Pinocchio fonte di ispirazione

 

Invito

 

Pinocchio

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

"Le avventure di Pinocchio"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La trama del racconto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La trama del libro "Le avventure di Pinocchio - Storia di un burattino" è molto semplice: il vecchio falegname Mastro Geppetto, si costruisce una marionetta che chiama "Pinocchio", che -  grande stupore! - sa parlare e muoversi come un bambino.

 

Il resto è una lunga serie di avventure vissute da Pinocchio, esperienze pagate a caro prezzo, ma che lo fanno crescere e maturare lungo un cammino di scelte spesso dissacratorie e molto individualistiche, di incredibili trasformazioni, nonostante (o proprio grazie a) tutti i possibili cattivi maestri e cattive compagnie, peripezie, inganni, ingiustizie, condanne e addirittura prigionia.

 

 

Comunque in tutto il racconto aleggia la promessa di una vita migliore e grande gioia, che riesce a dare allo scapestrato personaggio - sempre e comunque - tanta voglia di vivere.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La valenza dell'opera

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

È un classico della cosiddetta letteratura per ragazzi e viene scritto nel 1881 dallo scrittore Carlo Lorenzini, sotto lo pseudonimo "Collodi".

 

Pinocchio è una marionetta umanizzata, che si nasconde vigliaccamente dietro una massa di bugie troppo facili e, per ogni bugia, gli cresce un po' il naso: il racconto, come lo conosciamo noi oggi, è, a dire il vero, uno dei rifacimenti dell'originale, avvenuto in concomitanza con la sua pubblicazione  a puntate su un quotidiano, il "Giornale per bambini" (nella originaria versione Pinocchio muore impiccato e non diventa mai un bambino in carne ed ossa).

 

 

Di per se la letteratura per ragazzi dell'800, spesso e volutamente triste, piena di cattiveria e vera e propria crudeltà, trova il suo "valore pedagogico" proprio nel sottolineare ed anche esagerare le conseguenze di una vita irrispettosa e sregolata: la sua funzione sociale è spaventare il piccolo lettore a tal punto da farlo rigar dritto ed obbedire ai genitori, alla maestra, alle autorità, quelle che esse siano, loro preposte dalla società.

 

 

 

 

Quello che rende originale Pinocchio è forse proprio il suo comportamento irrispettoso e decisamente anarchico: molti critici concordano sul fatto che, in effetti, Pinocchio non nasca come favola per ragazzi (anche se poi lo diventerà), ma sia una allegoria della società dell'epoca, sotto la cui patina di "rispettabilità formale" del mondo adulto e di "pedagogia severa" verso le nuove generazioni (presenti e future "api industriose"), siano poi infine e di fatto i liberi istinti a dominare selvaggiamente e comunque la vita del cittadino.

 

A dimostrazione di ciò, il libro non viene accolto immediatamente con calore dal dominante "perbenismo" d'allora, se ne sconsiglia anzi la lettura ai ragazzi "di buona famiglia", quale potenziale fonte di ispirazione "sovversiva", e le autorità arrivano al punto di tentarne la censura ed il sequestro, almeno, senza dubbio, a causa di quei Carabinieri, figure così fortemente simbolo delle istituzioni, coinvolti per la prima volta in un'opera di fantasia ed inoltre "spudoratamente" ridicolizzati...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pinocchio fonte di ispirazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La figura ed il racconto di Pinocchio continuano ad ispirare nel tempo nuove opere artistiche - oltre ad una decina di film, album di canzoni, programmi radiofonici e televisivi, rappresentazioni teatrali, quadri e sculture:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

- nel 1940 Walt Disney ne fa un cartone animato, a dire il vero un po' troppo pulito e "americanizzato" con quel cappelletto e quei pantaloncini alla tirolese;

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

- Luigi Comencini ne produce una serie televisiva nel 1972;

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

- Edoardo Bennato gli intitola il suo album del 1977 "Burattino senza fili", poi anche musica di una versione teatrale (la locandina dello spettacolo, di fianco a destra, porta la firma del leggendario Jacovitti!);

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

- famoso il Pinocchio di Roberto Benigni del 2002, premiato tra l'altro con il David di Donatello 2003, sia per la miglior scenografia che per i migliori costumi;

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

- sempre nel 2002 il gruppo dei Pooh ne scrive musica per una versione musical.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Invito

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vi piacerebbe illustrare le avventure di Pinocchio?

Spediteci i vostri disegni con una mail a redazione@tusciaromana.info.

 

Se necessario, fatevi aiutare a scuola o a casa con lo scanner e la posta elettronica.

Li pubblicheremo con i vostri nomi, scuola e Comune!