Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Redazione e informazione

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

Vai al sito Natura e ambiente

 

Vai al sito  Turismo e tempo libero

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

UnionTuscia™, l'Unione degli Imprenditori della Tuscia Romana™

La progettualità di UnionTuscia – Perché fare impresa è cultura, ovvero perché lo torni ad essere!

Il materiale originale in questa pagina è © Luciano Russo, AlterEgo & Partners e UnionTuscia: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mente Locale™

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Progetti a carattere e di interesse locale nell’ambito di PianetaTuscia™ (continua)

Manca un cuore a questa Bracciano! (continua)

Il problema e il suo contesto (continua)

E dov’è finito il PRUSST?

 

Progetti a carattere e di interesse locale nell’ambito di PianetaTuscia™
Manca un cuore a questa Bracciano!
Il problema e il suo contesto

Se si deve crescere male, meglio allora rimanere piccoli (ma non si può)
Una curiosità molto significativa
Coronas Metropolitanas la chiama “mobilità”
I quattro Comuni lacustri sono “tre”
E dov’è finito il PRUSST?

Realistiche soluzioni ad un problema terra terra
Tra gli eventi organizzati da Mente Locale
 

Il marketing territoriale – Perché e come promuovere la Tuscia Romana

Il boom dell'“incubazione”

Il principio di sussidiarietà

La Scuola Imprenditoriale delle Arti e dei Mestieri della Tuscia Romana

 

Questa è l'Unione

Tuscia Valley

Pianeta Tuscia

Tuscia Impresa™

Opifex Tusciae

Laboris Et Honestatis Fructus

TerSo Mondo™

EcoTuscia

Terre di Tuscia

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

 

Progetti a carattere e di interesse locale nell’ambito di PianetaTuscia™ (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Manca un cuore a questa Bracciano! (continua)

   

 

                           
 

Il problema e il suo contesto (continua)

   

 

                           

 

E dov’è finito il PRUSST?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Dipartimento

per il Coordinamento dello Sviluppo del Territorio,

delle Politiche del Personale e gli Affari Generali

 

 

 

 

 

Il Ministero dei Lavori Pubblici, con decreto dell’8 ottobre 1998 pubblicato sulla G.U. n° 278 del 27 novembre 1998, ha approvato un bando nazionale finalizzato a promuovere, formare e finanziare programmi innovativi in ambito urbano denominati Programmi di Riqualificazione Urbana e di Sviluppo Sostenibile del Territorio” – PRUSST.

 

 

I programmi devono interessare vaste aree che comprendano “sistemi metropolitani caratterizzati dal deficit infrastrutturale relativo alla gestione dei grandi bacini di mobilità e dalla criticità delle interconnessioni tra nodi dei sistemi di trasporto internazionali, nazionali e interregionali” e “distretti insediativi che richiedono una migliore articolazione infraregionale, rafforzando le relazioni di complementarità e sinergie tra i singoli centri”.

 

I PRUSST sono rivolti al potenziamento dei sistemi infrastrutturali di livello territoriale, alla tutela e valorizzazione dei beni culturali e ambientali, al recupero edilizio e urbano, allo sviluppo delle attività produttive.

 

 

 

 

 

 

 

 

Nella Tuscia Romana il Comune di Civitavecchia si è fatto promotore del PRUSST interregionale “Patrimonio di San Pietro in Tuscia ovvero il Territorio degli Etruschi”, invitandovi come copromotori gli altri Comuni dell’area al fine di  individuare un insieme integrato e coordinato di interventi pubblici e privati.

 

Questo partendo dalla convinzione che Civitavecchia rappresenti ancora oggi la porta marittima di accesso ai territori dell’antica Etruria e che su questo tema possa essere impostato un ampio programma di sviluppo turistico, sociale e di recupero del nostro immenso patrimonio naturale, paesaggistico, archeologico, architettonico, storico e monumentale, in grado di competere con le altre iniziative territoriali pianificate, in atto o già realizzate nella Regione Lazio.

 

 

 

 

A questo PRUSST partecipano 93 Amministrazioni locali e provinciali:

 

- nella tutti i 60 Comuni in Provincia di Viterbo, l’Amministrazione provinciale di Viterbo e 15 Comuni della Provincia di Roma;

 

- nella Regione Toscana 3 Comuni in Provincia di Grosseto;

 

- nella Regione Umbria 14 Comuni in Provincia di Terni.

 

 

Su una superficie di quasi 6.000 kmq il PRUSST interessa una popolazione di oltre mezzo milione di abitanti ed il suo ambito territoriale comprende paesaggi naturali estremamente vari – mare, Maremma, colline e laghi di origine vulcanica, aree archeologiche, palazzi, borghi, chiese e castelli, riserve e parchi naturali.

 

 

Con il PRUSST il territorio della Tuscia Romana può trovare un vero riequilibrio alle oggi sbilanciate tendenze gravitazionali della “regione romana”, nel quadro d’una nuova politica di sviluppo produttivo e di valorizzazione turistica in cui tutela e valorizzazione del patrimonio storico e naturale abbiano assoluta preminenza, abbandonando le indiscriminate urbanizzazioni per inutili espansioni residenziali che hanno finora depauperato il territorio della sua millenaria ricchezza: l’armonia tra uomo e natura.

 

 

 

 

 

 

Per scaricare l’intera e dettagliata presentazione del PRUSST della Tuscia Romana in formato stampabile (5.61 MB), clicca qui o sull'icona.