Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Redazione e informazione

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

Vai al sito Natura e ambiente

 

Vai al sito  Turismo e tempo libero

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

UnionTuscia™, l'Unione degli Imprenditori della Tuscia Romana™

La progettualità di UnionTuscia – Perché fare impresa è cultura, ovvero perché lo torni ad essere!

Il materiale originale in questa pagina è © Luciano Russo, AlterEgo & Partners e UnionTuscia: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mente Locale™

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Progetti a carattere e di interesse locale nell’ambito di PianetaTuscia™ (continua)

Manca un cuore a questa Bracciano! (continua)

Il problema e il suo contesto (continua)

I quattro Comuni lacustri sono “tre

 

Progetti a carattere e di interesse locale nell’ambito di PianetaTuscia™
Manca un cuore a questa Bracciano!
Il problema e il suo contesto

Se si deve crescere male, meglio allora rimanere piccoli (ma non si può)
Una curiosità molto significativa
Coronas Metropolitanas la chiama “mobilità”
I quattro Comuni lacustri sono “tre”
E dov’è finito il PRUSST?

Realistiche soluzioni ad un problema terra terra
Tra gli eventi organizzati da Mente Locale
 

Il marketing territoriale – Perché e come promuovere la Tuscia Romana

Il boom dell'“incubazione”

Il principio di sussidiarietà

La Scuola Imprenditoriale delle Arti e dei Mestieri della Tuscia Romana

 

Questa è l'Unione

Tuscia Valley

Pianeta Tuscia

Tuscia Impresa™

Opifex Tusciae

Laboris Et Honestatis Fructus

TerSo Mondo™

EcoTuscia

Terre di Tuscia

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

 

Progetti a carattere e di interesse locale nell’ambito di PianetaTuscia™ (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Manca un cuore a questa Bracciano! (continua)

   

 

                           
 

Il problema e il suo contesto (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I quattro Comuni lacustri sono tre”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come per il classico Pierino delle barzellette - e non solo lui... - per il quale "i sette re di Roma furono cinque, Romolo e Remo" (in effetti sono stati otto!), così i Comuni che si affacciano sul Lago Sabatino diminuiscono e aumentano a seconda delle circostanze.

 

 

Tornando alla nostra realtà quotidiana, quando si tratta di problemi da affrontare i Comuni lacustri sono sempre e solo tre: Anguillara Sabazia, Bracciano e Trevignano Romano.

 

Anche se in effetti Anguillara non confini con Trevignano: tra loro c’è un quarto Comune, la grande assente – Roma la lupa!

 

Assente sì, quando si tratta di “dare”, ma non quando si tratta di “prendere” – sfruttare le risorse naturali del bacino Sabatino per sopperire ai propri bisogni e compensare la perdita della propria malgestita qualità della vita con dosi in prestito da quella che, se pur ormai anche questa molto malridotta e solo a tratti e sprazzi, esiste nella sua altrimenti dimenticata provincia colonia più che Provincia: prima fra tutte l’acqua, poi l’aria, la natura e il paesaggio, anche se non proprio quasi intatti, almeno non ancora del tutto distrutti anche quelli.

 

 

La superficie del lago è divisa in tre spicchi per quanto riguarda la pesca, ma Roma controlla le bocche di presa degli acquedotti, quello storico Paolino ed il nuovo, a doppia, smisurata conduttura: mentre ai Comuni lacustri manca l'acqua Roma bulimica, marcia e prepotente, matricida e ladra, si sta letteralmente bevendo il Lago di Bracciano.

 

Ma c’è o non c'è un contatore?…

 

 

 

 

 

 

E cosa riceviamo in cambio: borgate e dormitori per noi cui garantire servizi, ovvero, in altre parole, villette, appartamenti e seconde case a buon prezzo per poveri e stressati Romani che non se li possono più permettere nella malsana e proibitiva Capitale?

 

Poveri noi, altro che poveri Romani: fra dieci o vent'anni saremo, comunque e come sempre da sempre, di nuovo noi a pagare il conto, sia ecologico che economico e culturale, di questa Terza Colonizzazione dell'Etruria!

 

 

"Politiche" locali di svendita suicida e cieca da parte di una (c)ricca generazione di manipolabili, manipolati e manipolanti politrukoli, incolti, incompetenti e corrotti, traditori della propria terra e della propria gente.

 

E per il solito squallido "piatto di lenticchie" (Genesi 25,29-34) - da imbecilli...