Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Chi siamo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Paola Gemma Francesca Russo – Una presentazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Paola Russo – Una presentazione

 

Pagina di origine

"Rasenna Gens Etrusca dedita Religionibus"  

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

Paola Gemma Francesca, poi per propria scelta anche Sophia Alexandra Elettra, nasce a Kalmar, sulla costa baltica della Contea di Småland, Svezia, nel 1972 da mamma svedese e papà italiano.

 

Di madrelingua e cultura svedesi viene in contatto con l'Italia negli anni della sua prima fanciullezza, per lo più durante le sue vacanze estive, anche se segue corsi elementari di lingua e cultura italiana, garantitile per legge dal sistema scolastico pubblico svedese, fin dal primo anno di scuola.

 

 

Nel 1985 si trasferisce temporaneamente con la famiglia in Italia, a Bracciano, Roma, e, già parlando l'inglese, frequenta dapprima una scuola privata americana nella capitale, ma opta presto per trasferirsi alla Scuola Media Statale "Don Giovanni Bosco" di Bracciano, dove fa molte amicizie che dureranno nel tempo e, con l'aiuto attivo di insegnanti e compagni, si impossessa rapidamente dell'uso pratico della lingua italiana.

 

Questa nuova padronanza della lingua e l'influenza degli interessi storico-culturali del padre emigrato le fanno scegliere di conseguire presso l'Università di Stoccolma una Laurea in Lettere e Società Italiane seguita da una Laurea Magistrale in Letteratura Italiana, abilitandosi quindi all'insegnamento della Lingua Italiana nel sistema scolastico superiore svedese, studi umanistici complementari a quelli di Laurea prima e Laurea Magistrale poi in Giurisprudenza con numerosi corsi di specializzazione, tra gli altri, in Criminologia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La distinta quanto precoce vocazione per la parola scritta la porta infine ad intraprendere anche studi di giornalismo e far parte delle redazioni di pubblicazioni periodiche a Stoccolma, lavorando come freelance, e a fondare e gestire in proprio una piccola impresa, inizialmente di servizi giornalistici, poi  spostando arcor più l'interesse verso la sua vera passione, quella di scrittrice, da sempre parallelamente coltivata.

 

Nel 2009 il debutto con il romanzo storico "En säck full av Gud", "Un sacco pieno di Dio" - Mormor Förlaget/Edizioni Mormor, racconto epico con connotazioni autobiografiche, una saga della sua famiglia italiana durante gli anni della Seconda Guerra Mondiale e più precisamente quelli della Lotta di Liberazione 1943-1945, seguito dal romanzo spagnolo di "realismo magico" "Vitas" - Diktonius Text, 2011, poi nel 2013 "En Höstsaga" , "Una storia d'autunno", romanzo del quotidiano nel cuore della Stoccolma dei nostri giorni, nel 2014 il primo racconto dell'originale ed innovativa collana per bambini "Fleecepappan, Farfar och Griskaninen", "L'Accappapapà, il Nonno e il Porciglietto" (il maialino-coniglietto), e infine ad oggi, nel 2015, il secondo racconto della serie per bambini "Griskaninen får ett eget rum", "Al Porciglietto una camera tutta sua" ed i romanzi per giovani della trilogia "Underjordens hemlighet", "Il segreto dell'Oltretomba", "Genom eld och svavel", "Attraverso fuoco e zolfo", e "Drömmarnas Ö", "L'Isola dei Sogni", i sei ultimi Mormor Förlaget: l'intera produzione in lingua svedese, anche se per il romanzo debutto già si pensa ad una traduzione italiana.

 

Rimane comunque forte la predilezione per la drammaturgia, cui si dedica per il suo acquisito interesse professionale verso future produzioni teatrali, ma anche - perché no - cinematografiche e televisive.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pur residente in Svezia, mantiene vivi i suoi rapporti privati e professionali con la sua seconda patria, l'Italia, e, più in generale, con le culture sud-europee dell'area mediterranea.