Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Chi siamo

(E vogliamo continuare ad essere)

Il materiale in questa pagina è redatto ed editato da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Quannu moru" Contro tutte le mafie

ovvero "A che serve vivere, se non c'è il coraggio di lottare?"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Quannu moru, faciti ca nun moru..." – Quando muoio, fate che non muoia! (continua)

Il testo

 

"Quannu moru, faciti ca nun moru..." – Quando muoio, fate che non muoia!

Il testo

Il video ed il gruppo

 

Pagina di origine

Persona non (troppo) grata

"©ultura ®esistente"

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

“Quannu moru, faciti ca nun moru...”

Quando muoio, fate non muoia! (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il testo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La ricostruzione del percorso artistico di Rosa Balistreri riserva ancora oggi sorprese, a formare un quadro soprattutto umano che si fa sempre più ricco e interessante.


Ad esempio il periodo verso la fine degli Anni Settanta, quasi sempre fatti finora noti ai pochi che li hanno vissuti, direttamente o da vicino, quasi privati, ma che ora acquistano anche grande valore artistico, in quanto consentono di fare luce su una parte fondamentale del repertorio di Rosa, quella più autobiografica.

 

 

 

 

 

 

Il repertorio di quegli anni nasce ad esempio dall’incontro con Lillo Catania, allora giovane laureando in ingegneria, la cui intensa passione per scrivere e cantare lo porterà ad una ricca collaborazione con Rosa.

 

Lillo e Rosa si incontrano la prima volta casualmente, entrambi dell’agrigentino lo fanno a Palermo, e abitando lì nello stesso condominio si incontreranno quasi giornalmente  per quattro lunghi anni.

 

 

Pezzi di vita che Rosa racconterà a Lillo diventeranno per mano di questi liriche e melodie sincere e struggenti, gran parte delle quali, purtroppo, allora non pubblicate ma comunque e fortunatamente cantate in concerti o a casa di amici.

 

All’appassionata collaborazione tra i due artisti appartiene il vero gioiello "Quann'iu moru", senza dubbio uno dei brani che più rappresenta Rosa, conosciuto anche a livello internazionale, universalmente considerato il suo testamento politico-artistico.

 

Lillo, oggi docente con la forte passione di sempre per musica, narrazione e poesia, è ancora e di nuovo attuale come autore di testi in dialetto siciliano e in Italiano, solo alcuni musicati.

 

E le splendide canzoni  sue e di Rosa vengono oggi riscoperte ed di nuovo apprezzate da nuove generazioni di pubblico e di artisti.