Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Impresa e sviluppo

 

Vai al sito Cultura e società

 

Vai al sito Natura e ambiente

 

Vai al sito Turismo e tempo libero

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Chi siamo

(A saperlo...)

Il materiale originale in questa pagina è © Luciano Russo: la Redazione ringrazia l'autore per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Persona non (troppo) grata

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

UAAR, l'Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti – Una presentazione

 

UAAR, l'Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti – Una presentazione

Il profilo non ancora pubblicato

 

Pagina di origine

"©ultura ®esistente"

"Quannu moru" – Contro tutte le mafie ovvero "A che serve vivere, se non c'è il coraggio di lottare?"

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

La home page del sito dell'UAAR

 

 

 

 

 

 

UAAR, l'Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti – Una presentazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ho conosciuto l'UAAR, Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti, attraverso il lavoro dell'astrofisica e divulgatrice scientifica Margherita Hack, icona del pensiero libero e dell'anticonformismo, tra l'altro Presidente Onoraria dell'associazione dal 2002 alla sua morte nel 2013, e mio cugino Pietro Barlesi, diciamo "'na bella capoccia" da ateo convinto, libero pensatore e scatenato opinionista, lui ancora abbastanza vivo e alquanto vegeto.

 

Con gli anni sono anche diventato gran simpatizzante dell'associazione (anche se non "socio", ma solo e in quanto perché lasciarmi inquadrare in grandi raggruppamenti organizzati di qualsivoglia natura non combacerebbe proprio del tutto con il mio modus vivendi, insofferentemente anarchico quanto basti!) essendo questa l’unica a livello nazionale di promozione sociale dei diritti dei Cittadini atei ed agnostici, oltretutto asetticamente indipendente dai palesi opportunismi dei partiti politici e i facili fanatismi di gruppi di pressione vari, ispirata nudo e crudo a razionalità, laicismo, rispetto dei diritti umani, libertà di coscienza e principio di pari opportunità - vera, cioè senza distinzioni alcune di genere, orientamento sessuale, concezioni filosofiche e tantomeno religiose.
 


L'associazione vuole infatti semplicemente:
 

- tutelare i diritti civili dei Cittadini non professanti una religione né appartennti ad una Chiesa,

- (ri)affermare e difendere sempre, in tutte le istanze e in tutti modi la laicità sacra dello Stato,

 

e a questo fine

 

- farsi promotrice di importanti iniziative legali al riguardo,

- offrire in questo ambito consulenza giuridica gratuita a tutti i Cittadini che ne facciano richiesta,

- avviare campagne di pubblica informazione e sensibilizzazione su temi inerenti.