Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Chi siamo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli autori

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Francesco Rinaldi – Una presentazione

 

Pagina di origine

Le foto di Francesco

"Ville Italiane 1985-2005", Antonio Piccioni e Francesco Rinaldi Architetti in Roma

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Francesco Rinaldi – Una presentazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Francesco Rinaldi nasce a Bracciano, Roma, nel 1947 e si laurea presso la Facoltà di Architettura dell'Università di Roma.

 

 

Tra il 1968 e 1972 frequenta gli studi del pittore Mino Delle Site, ultimo esponente del gruppo futurista degli "aeropittori", dell’architetto Domenico Malagricci, primo collaboratore del "Ridolfi e Frankl" e dello scultore Umberto Mastroianni, presso l’Accademia di Belle Arti di Roma.

 

Come architetto si dedica a pianificazione urbanistica per Enti pubblici e Comuni quanto a progettazione  residenziale di committenza privata, questa in collaborazione con l’architetto Antonio Piccioni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Membro del Comitato Tecnico dell’ATER - Istituto Autonomo Case Popolari, per oltre 10 anni è consulente in materia ambientale e funzioni subdelegate ai sensi della L.R. 59/95 in vari Comuni del Lazio.

 

È del 1993 la pubblicazione di "Viterbo 1945-1992 - L’evoluzione urbana e le architetture", Edizioni DEUI.

 

 

La sua creatività artistica lo riattrae a ricerche sull’immagine nell'ambito della fotografia sperimentale con utilizzo di tecniche informatiche.