Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Siti e blog amici

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il sito del Parco 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Parco Naturale Regionale di Bracciano e Martignano – Una presentazione

 

Le "fraschette"

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Il Parco Naturale Regionale di Bracciano e Martignano – Una presentazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Istituito nel 1999 e gestito dal relativo Ente Parco, è il più recente tra i parchi del Lazio, a rappresentare il tipico paesaggio collinare all'estremità sud del grande sistema vulcanico Vulsino - Cimino-Vicano - Sabatino.

 

Comprende gli specchi d'acqua dei Laghi di Bracciano e Martignano - insieme 6.000 ettari, pari a circa il 40% della superficie complessiva del parco - e per il restante 60% le campagne che li circondano.

 

 

 

 

 

 

Le acque del Lago di Bracciano vengono purtroppo sfruttate come riserva idrica dalla Capitale, con una tendenza negativa di 15 milioni di metri cubi annui.

 

I due laghi occupano le rispettive depressioni risultate da sprofondamenti tettonici a seguito delle attività vulcaniche del complesso sabatino, il cui  apice risale a 400.000 anni fa - ragguardevole quella di Bracciano, la cui profondità massima dal pelo dell'acqua raggiunge i 165 metri.

 

 

La corona di colline che circonda i laghi, in parte a pascolo ed in parte coltivate, rappresentava fino ad alcuni decenni fa una campagna ancora pressoché intatta, ma le recenti, incontrollate attività d'insediamento umano ne sono riuscite a cementificarne forse le parti più belle, già prima dell'istituzione del Parco - ed il processo non si è arrestato, tranne per alcune zone protette come Vicarello.

Tipici della zona i
boschi di castagno, ma ci sono anche faggete
d'alto fusto di notevole bellezza, come ad Oriolo e Monte Termine.

 


Sul Lago di Bracciano si affacciano
quattro Comuni - Anguillara Sabazia, Bracciano, Roma e Trevignano Romano - tre dei quali più o meno direttamente con i rispettivi centri urbani.

 

Il Lago di Martignano, nonostante ripetuti usi impropri e tentativi di aggressione, rappresenta ancora, e speriamo per molto tempo a venire, una splendida oasi naturalistica.

 

 

Per una più ricca e dettagliata informazione visita il sito del Parco www.parcobracciano.it.