Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Chi siamo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vittoria Panunzi – Una presentazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vittoria Panunzi – Una presentazione

 

Pagina di origine

"Armonie apparenti"

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

Nasce a Roma nel 1984 ed è laureanda in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Roma Tre, con Tesi riguardante “La repressione dei reati politici nello Stato Pontificio dopo i moti del 1848 (in particolare l’Alto Lazio)”.
 


Cresciuta in un fervido ambiente culturale, grazie alla preziosa guida dell’amatissimo padre,
Bruno Panunzi, già dalla giovane età si interessa alla Storia e Storia dell’Arte, diventando Socio dell’Associazione Culturale “Forum Clodii” con sede in Bracciano, Roma.

 

Partecipa ai progetti della Forum Clodii anche contribuendo molto attivamente ai lavori propedeutici all'apertura, nel 2011, del Museo dell'Opera del Duomo " Bruno Panunzi".
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Parallelamente al suo percorso di studi, sviluppa la passione per la pittura, iniziando un cammino di crescita personale ed artistica che la porta alla sua prima mostra personale nel 2008.


Attualmente sono in fase di progettazione due nuove esposizioni che si terranno alla fine del 2011.
 


Le sue creazioni, che guardano alla pittura informale e alla cosiddetta “arte povera”, nel suo ultimo ciclo di quadri lasciano posto alla sperimentazione, in particolare all’uso di elementi naturali legati alla tela, grazie a speciali collanti, e all’utilizzo di colori intensi e luminosi, con un’evidente predilezione per il rosso.