Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Chi siamo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli autori

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Erminia Liscio-Noben – Una presentazione

 

Pagina di origine

"Come fu inventato il popolo ebreo – Lo smantellamento di un mito"

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Erminia Liscio-Noben – Una presentazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nasce Erminia Licia Maria Liscio, italiana, Lucana D.O.C., vent'anni fa sposa il suo Renaud Noben, francese, da cui l'attuale cognome.
 

 

Donna dai molti nomi: una dolce "Minella" per il marito e gli amici francesi che trovano la pronuncia della e-erre troppo dura..., una disperata "Cassandra" in yahoo answers per capire perché nella vita di tutti i giorni nessuno prenda sul serio le sue informazioni e notizie accumulate da anni ed anni attraverso letture e viaggi, una forte "Giuditta" - come firma i suoi post ed articoli - fin da bambina impressionata ammiratrice della giustiziera di Oloferne, ma è la guerriera "Erminia" che cerca la pace fra i pastori e ama la natura, "Erminella" per alcuni...

 

Vive e opera in molti paesi: Grecia, dove ha un “pied a terre” sull’isola di Syra, Turchia, Francia, pochissimo in Italia (vagabonda lucana di lingua madre italiana, conosce quasi meglio la Francia e il Francese, che l'Italia e l'Italiano...).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Traduttrice, preferisce da sempre la matematica, la fisica e le scienze alle materie letterarie: suo mentor il genio astrofisico francese J.P. Petit - anche lui cattolico-ebreo antisionista (durante l'occupazione nazista sua madre falsifica le loro carte d'identità da Lévy in "Petit" per evitare la deportazione!) - molti articoli del quale pubblica nel suo blog.
 

Programmatrice informatica, globe-trotter - che volentieri sostituirebbe con il "vagamondo"trade mark di Pietro Barlesi, pittrice, fotografa, curiosa di tutto!

Amante dei libri, della pittura, della scienza, dell’archeologia, della storia… e, "naturalmente", della natura.

 

 

Pubblica le proprie ricerche, esperienze, diari di viaggio e idee nel suo più che raccomandabile blog TuttoUno, sito amico del nostro portale Tuscia Romana.

 

 

 

 

 

 

 

È attualmente addetto stampa della AFASYRAmicale Francophone des Amis de Syros, Grecia, Associazione degli Emigrati Francesi e Francofoni sull'Isola di Syra, Grecia, "apolitica, democratica, onesta e non a scopo di lucro".

 

Syra - in Greco Σύρος, Syros o Siros - appartiene all'Arcipelago delle Cicladi nel Mar Egeo, 78 miglia nautiche ovvero 144 chilometri a Sud di Atene: il suo più grande centro abitato, Ermoupoli, fondato solo nel 1821, durante la Guerra di Indipendenza, quando l'isola è Protettorato Francese, ha oggi funzione di capoluogo amministrativo delle Cicladi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A Syra cercano all'epoca rifugio i profughi provenienti da tutte le altre isole greche ancora sotto il dominio turco, sviluppando così molto rapidamente una per l'area anomalmente vivace comunità residente e portando la moderna cittadina di Ermoupoli a divenire in breve uno dei più importanti nodi nautici e commerciali dell'Egeo dell'Ottocento.


Il
carattere neoclassico di Ermoupoli contrasta quindi nettamente con l'aspetto molto più tradizionale dei suoi dintorni e delle intere Cicladi: sull'isola il villaggio dal carattere più genuino locale, Ano Syros, annovera infatti nel suo tessuto urbano anche edifici di oltre 700 anni fa.